Una strepitosa Meryl Streep

Florence Foster Jenkins era una ricca ereditiera con la passione per l’opera. L’interessato entusiasmo dei musicisti e dei critici musicali che finanziava, compreso il grande Toscanini, la spinsero a tentare la strada del bel canto. Le sue pittoresche esibizioni divennero famose: il pubblico accorreva attirato dalla fama della cantante e si divertiva come a uno spettacolo comico. Ma nel 1944, dopo un concerto di beneficienza nella prestigiosa cornice della Carnegie Hall, l’autorevole critico del New York Post la definì la peggiore cantante del mondo, e lei, indebolita dalla sifilide che il suo primo marito le aveva trasmesso quando aveva diciotto anni, ebbe un collasso da cui non si riprese. 

Da questa storia vera il regista inglese Stephen Frears ha tratto nel 2016 “Florence”, un film delizioso con Meryl Streep e Hugh Grant, che interpreta il devoto compagno e impresario St.Clair Bayfield. Irresistibile nelle parti leggere, con le lezioni di canto accompagnate da uno squattrinato e sbalordito pianista, il racconto tocca anche registri più dolenti, con la disperazione della protagonista che cerca consolazione nella musica e nella compagnia dei pochi amici veri che le sono rimasti. Vale davvero la pena di vederlo in lingua originale e sottotitolato per meglio gustare la splendida interpretazione dei protagonisti. 

In questi giorni “Florence” è disponibile on line sulla piattaforma Miocinema.it, messa in piedi da alcuni distributori per aiutare gli esercenti in crisi a causa del Covid. Una parte delle contenute tariffe di noleggio – questo film costa 3,90 euro – va infatti a una sala cinematografica a scelta dell’utente. L’offerta è molto ricca, con pellicole d’autore, anticipazioni e interessanti presentazioni critiche. “Florence” fa parte del pacchetto “Merry Cinema”, una selezione di dieci commedie di qualità per festeggiare lo spirito del Natale con titoli che regalano spensieratezza, risate e anche un po’ di necessaria commozione.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI