La vita piena di Andrea Liberatori

Andrea Liberatori, morto serenamente nel sonno a Champoluc, dove si trovava in vacanza con la moglie Anna Maria, era un signore. Un vero signore. Nel mondo spregiudicato e cinico dei giornali, lui che in oltre quaranta anni di lavoro per l’Unità aveva fatto di tutto e con onore, dal correttore di bozze alla terza pagina, dal cronista al segretario di redazione, non ha mai alzato la voce e non ha mai parlato male di nessuno. Ma non era un mite. Sempre pronto a confrontarsi con le ragioni degli altri, era fermo nella difesa degli ideali che lo avevano spinto giovanissimo ad avvicinarsi al partito comunista e alle pagine dell’edizione torinese de L’Unità, dove poteva mettere la sua elegante scrittura al servizio di quella che allora si chiamava – ed era – lotta di classe.

In una bella intervista raccolta qualche mese fa dal Centro Pestelli, Andrea ha raccontato la sua storia di giornalista militante, strettamente intrecciata a quella del partito e tuttavia capace di non piegarsi alle pretese della ortodossia. Ha rievocato gli appassionati dibattiti che si svolgevano in una redazione frequentata da Italo Calvino, Paolo Spriano e Raimondo Luraghi. Ha ricordato le battaglie contro i licenziamenti, per le case popolari e i diritti civili condotte dalla cronaca torinese del giornale guidata da Diego Novelli e poi da lui. E chi lo ha conosciuto bene, e sa quanto abbia amato il suo lavoro, non può che ammirarlo per la decisione di lasciare il timone della redazione e accettare una pensione anticipata per dare una mano a sanare i conti dissestati del giornale. 

Ma anche da fuori, dal limbo del prepensionamento, Andrea non aveva voluto far mancare il suo contributo di idee e di esperienza ai tanti giovani che aveva accolto in redazione, e che continuavano a rivolgersi a lui per consigli e suggerimenti. E lo stesso ha fatto per tutti gli altri colleghi, senza badare a testate o appartenenze, nei lunghi anni di attività nel sindacato e nell’ordine dei giornalisti, con una lucidità che non è mai venuta meno nonostante l’età.

Battista Gardoncini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

L’ottimismo della conoscenza

Sulla sua pagina Facebook Guido Silvestri si presenta modestamente così: migrante italo-US, medico, scienziato, curioso di politica e…
LEGGI
LEGGI

Perché si chiamano bufale

Spopolano sul web, le “bufale”. Il termine è diventato di uso comune in questi tempi di post-verità, per…
LEGGI
LEGGI

Lo scandalo della Banca Romana

Ultime notizie dal mondo dorato dell’economia e della finanza. FCA è accusata di aver barato sulle emissioni dei…
LEGGI