Sardine: i no non bastano

Fra  le sardine in piazza a Torino c’ero anch’io, contento di trovarmi in mezzo a tante facce nuove e giovani, mai  viste prima nei tradizionali appuntamenti della sinistra. A Roma non ci sono andato, ma il grande successo della manifestazione mi pare un segnale importante, perché dimostra che siamo in tanti a non rassegnarci alla deriva del paese, e a pensare che sia ancora possibile una politica diversa, più attenta agli ideali che alle poltrone e più interessata alla realtà delle cose che alla loro falsa rappresentazione mediatica.  

Però ogni  movimento politico – e le sardine lo sono, nonostante le dichiarazioni in senso contrario – ha bisogno di riconoscersi in una idea forte della società e di darsi obiettivi concreti che ne orientino le azioni future. Insomma, di qualcosa di più di un sacrosanto ma generico no alle demagogie populiste e alla volgare pochezza dei suoi leader. Essere contro, anche quando si è contro qualcosa di profondamente sbagliato, non basta. 

Per non disperdere il successo ottenuto, le sardine dovranno uscire allo scoperto, confrontarsi con i problemi del paese, con le forze sociali, e anche con i partiti del centro sinistra, con tutti i loro evidenti limiti. Non so se ci riusciranno e se saranno disposte a pagare il prezzo che sempre si paga quando si esce dalla ambiguità, e inoltre temo che tra i tanti ostacoli che troveranno sulla loro strada ci sarà anche la diffidenza delle forze con le quali, almeno in teoria, dovrebbero avere le maggiori affinità.  So però che è necessario.

Per concludere, un duplice invito. Alle sardine perché non perdano tempo e trovino in fretta la loro strada. Alla sinistra tradizionale perché abbandoni la spocchia che l’ha portata sull’orlo del precipizio, riconosca gli errori del passato e faccia tesoro delle lezioni  che in questi giorni le stanno dando le piazze italiane.

Battista Gardoncini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Lo scandalo della Banca Romana

Ultime notizie dal mondo dorato dell’economia e della finanza. FCA è accusata di aver barato sulle emissioni dei…
LEGGI
LEGGI

La parolaccia dell’anno

Il 2019 finisce, e per i giornali è tempo di bilanci, oroscopi e classifiche. Tra i personaggi dell’anno…
LEGGI
LEGGI

Oltre il ponte cambia volto

Siamo nati sette anni fa come Segnavia54, e ci occupavamo di montagna. Un piccolo sito specializzato per chi…
LEGGI
LEGGI

Botti di Capodanno

Mentre su Facebook si discuteva alacremente delle nefaste conseguenze dei botti di Capodanno sulla psiche dei nostri cani,…
LEGGI
LEGGI

La Stampa non abita più qui

Siamo alle battute finali, l’integrazione di Itedi (La Stampa e Il Secolo XIX) con Repubblica è ormai sulla…
LEGGI
LEGGI

Perché si chiamano bufale

Spopolano sul web, le “bufale”. Il termine è diventato di uso comune in questi tempi di post-verità, per…
LEGGI