Pietre miliari

Ueli Steck ci aveva messo un’ora e 56 minuti. Nei giorni scorsi Dani Arnold lo ha battuto. Appena un’ora e 46 minuti per salire la parete Nord del Cervino nel centocinquantesimo anniversario della prima scalata. E la sfida continua. Qualcuno, con nuovi materiali, nuovi metodi di allenamento e la stessa voglia di stupire, sempre naturalmente ripreso dalle telecamere pagate dagli sponsor, farà ancora meglio. Video come questo hanno tutto quello che serve per interessare un vasto pubblico: un ambiente mozzafiato, gesti atletici di uomini che rischiano la vita, immagini e montaggio tecnicamente ineccepibili. Ma più se ne vedono, più ci si domanda se imprese come quella di Arnold abbiano ancora un senso, e per quanto ancora l’alpinismo dei record continuerà ad avere successo. Il rischio della saturazione è concreto. E l’effimera notorietà dei suoi protagonisti non è sicuramente paragonabile a quella che hanno avuto personaggi come Hillary, Bonatti, Messner, per citare soltanto i più noti. Loro sì, vere pietre miliari di una grande storia, fatta non soltanto di straordinarie scalate, ma anche di esplorazione e di voglia di capire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

La morte sospesa

“La morte sospesa”, di Kevin Macdonald, è il secondo film di montagna che abbiamo scelto per la nostra…
LEGGI
LEGGI

Il diritto di uccidere

Dalla batosta vietnamita  gli sconfitti hanno imparato una grande lezione. Le guerre si possono fare, a patto che…
LEGGI
LEGGI

Coltan senza sangue

Guardatele bene queste immagini di una miniera sulle montagne congolesi. Perché quelle che a un occhio occidentale potrebbero…
LEGGI
LEGGI

The way back

Con due anni di ritardo, è finalmente arrivato nelle sale italiane l’ultimo film di Peter Weir, il regista…
LEGGI