le Langhe a piedi

Erano considerate una “zona depressa”, poi, come diceva l’indiscusso maestro del Barolo Bartolo Mascarello guardando con occhio infastidito le troppe ville e i capannoni industriali,  sono diventate una “zona colpita da improvviso benessere”. Ma l’attenzione per l’ambiente sta crescendo, e il riconoscimento di patrimonio dell’umanità conferito dall’Unesco alle Langhe lo testimonia.

Non solo vino, dunque, ma storia, cultura, tradizioni. Sono lì, a disposizione di chiunque abbia voglia di scoprirle, nei paesaggi, nei paesi, nelle vecchie cascine. E la guida “Scoprire le Langhe” curata da Elio Sabena, Pietro Ramunno e Roberto Mantovani per Fusta Editore invita a farlo a piedi, lungo un percorso segnalato in sette tappe, che parte da Alba e torna ad Alba attraverso le colline del Barolo e del Barbaresco. Ce ne parla Roberto Mantovani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

La morte sospesa

“La morte sospesa”, di Kevin Macdonald, è il secondo film di montagna che abbiamo scelto per la nostra…
LEGGI
LEGGI

Coltan senza sangue

Guardatele bene queste immagini di una miniera sulle montagne congolesi. Perché quelle che a un occhio occidentale potrebbero…
LEGGI
LEGGI

The way back

Con due anni di ritardo, è finalmente arrivato nelle sale italiane l’ultimo film di Peter Weir, il regista…
LEGGI
LEGGI

Il diritto di uccidere

Dalla batosta vietnamita  gli sconfitti hanno imparato una grande lezione. Le guerre si possono fare, a patto che…
LEGGI