Ancora sul time-lapse

Qualche giorno fa, proponendo un video dell’americano Tim Lowe interamente costruito in time-lapse, abbiamo chiesto il vostro parere su questa tecnica, che non è una novità assoluta, ma negli ultimi anni è diventata accessibile a tutti grazie al digitale. Basta scegliere un buon punto di osservazione, piazzare la telecamera o la macchina fotografica su un un solido cavalletto, e…aspettare. Non sempre  però i risultati sono all’altezza delle aspettative, e la rete è stata inflazionata da prodotti tecnicamente ineccepibili e di una noia mortale. Ci sono casi, invece, dove l’uso del time-lapse è giustificato, e ottiene risultati spettacolari. Come in questo video di Shawn Knol, che ha ripreso la fusione del ghiaccio con strumenti semplicissimi: una macchina fotografica digitale con un obiettivo da 105 mm, corredata con estensioni per la macrofotografia e un filtro polarizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

La morte sospesa

“La morte sospesa”, di Kevin Macdonald, è il secondo film di montagna che abbiamo scelto per la nostra…
LEGGI
LEGGI

Il diritto di uccidere

Dalla batosta vietnamita  gli sconfitti hanno imparato una grande lezione. Le guerre si possono fare, a patto che…
LEGGI
LEGGI

Coltan senza sangue

Guardatele bene queste immagini di una miniera sulle montagne congolesi. Perché quelle che a un occhio occidentale potrebbero…
LEGGI
LEGGI

The way back

Con due anni di ritardo, è finalmente arrivato nelle sale italiane l’ultimo film di Peter Weir, il regista…
LEGGI