Un citofono di troppo

“Rifarei tutto, anche il citofono” ha detto Salvini dopo la solenne batosta presa in Emilia Romagna, e noi, che non lo amiamo, non possiamo che esserne contenti. Continui pure così, suonando citofoni, addentando mortadelle e twittando a sproposito, e tra non molto sarà soltanto l’ ennesimo brutto ricordo di un paese fragile, che è spesso vittima di pericolosi innamoramenti, ma è anche capace di inaspettate reazioni.

Come è ovvio, tuttavia, gli errori passati presenti e futuri di Salvini da soli non basteranno. Anche i suoi avversari dovranno fare la loro parte, senza indebolire il governo Conte, che tutto sommato sta facendo bene, e possibilmente senza cadere negli errori del passato, riproponendo gli stessi squalificati personaggi che hanno allontanato dal centro-sinistra tanti elettori e anteponendo gli egoismi di partito alle necessità del paese. Non è detto che ci riescano, ma l’esempio dell’Emilia Romagna dimostra che è possibile.

In queste ore ci sono fin troppe analisi del voto. Noi ci  limitiamo qui a sottolineare tre elementi a nostro parere decisivi. 

Il primo, e più importante, è che Bonaccini era un ottimo candidato, che nel suo precedente mandato aveva preservato e fatto crescere il modello del welfare emiliano senza farsi coinvolgere nelle vuote polemiche della politica nazionale. Il grande risultato ottenuto dal centro-sinistra a Bibbiano, il paese al centro delle sgangherate offensive della Lega, parla da solo.

Il secondo, e quasi altrettanto importante, è che l’elettorato del centro sinistra, dopo anni di disillusioni,  è tornato in massa alle urne, portando la partecipazione al voto alla cifra record del 67%. La paura di Salvini ha sicuramente avuto un suo ruolo, ma a fare la differenza sono state le sardine, con la loro ferma e educata protesta, capace di mobilitare anche giovani poco interessati alla politica. E di questo gli strateghi del centro sinistra dovranno tenere ben conto nei loro calcoli futuri. 

Il terzo elemento è che non c’era Renzi. Il cacciaballe di Rignano, scoraggiato dai fallimentari sondaggi sul suo neonato partito, ha deciso di non farsi vedere. Continui così, per favore. E con lui facciano un passo indietro tutti gli altri nani che nel vecchio PD si erano autoproclamati leader o maître à penser. Inutile citarli qui, li conosciamo fin troppo bene. Ma una menzione particolare merita Roberta Pinotti, ex ministro della difesa nei governi Renzi e Gentiloni,  chiamata l’altra sera da Vespa a commentare l’esito del voto. Un concentrato di vuota supponenza che sembrava messo lì apposta per controbilanciare la disfatta salviniana. E, conoscendo Vespa, forse era proprio così.

Battista Gardoncini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

L’ottimismo della conoscenza

Sulla sua pagina Facebook Guido Silvestri si presenta modestamente così: migrante italo-US, medico, scienziato, curioso di politica e…
LEGGI
LEGGI

Lo scandalo della Banca Romana

Ultime notizie dal mondo dorato dell’economia e della finanza. FCA è accusata di aver barato sulle emissioni dei…
LEGGI
LEGGI

Due luci in redazione

I primi giorni del 2020 sono stati tristi per noi che abbiamo lavorato nella redazione torinese de L’Unità.…
LEGGI
LEGGI

Perché si chiamano bufale

Spopolano sul web, le “bufale”. Il termine è diventato di uso comune in questi tempi di post-verità, per…
LEGGI
LEGGI

La parolaccia dell’anno

Il 2019 finisce, e per i giornali è tempo di bilanci, oroscopi e classifiche. Tra i personaggi dell’anno…
LEGGI