Masochisti di sinistra

A Werner Von Sacher-Masoch piaceva, tra le altre cose, essere frustato dalla sua bella avvolta in una pelliccia. I nostri masochisti di sinistra vanno oltre, e  fanno tutto da soli. Gli esempi sono innumerevoli, basti pensare a quello che hanno combinato con il Jobs Act e con il referendum sulla riforma costituzionale. Ma quello che sta accadendo in questi giorni con le critiche continue e velenose che arrivano dai più svariati pulpiti sulle sardine ha dell’incredibile.

Pensateci un momento. Dopo aver allegramente buttato alle ortiche la propria visione del mondo, sostituita dalla desolante scopiazzatura delle peggiori idee liberiste in circolazione, dopo anni di piazze semivuote, di afasia e di incapacità di ribattere agli attacchi scientificamente mirati di una destra spregiudicata e aggressiva, arriva finalmente in Italia un  nuovo movimento schierato senza ambiguità nel campo della sinistra, che ha il coraggio di dire basta al fascismo, al razzismo, alle violenze verbali, alle fake news. E – miracolo – quelle piazze tornano a riempirsi con tanti giovani mai visti prima, desiderosi di dire la loro. Alcuni arrivano dai Cinque Stelle in difficoltà, ma molti altri fino al giorno  prima se ne stavano a casa perché non attratti dai volti della vecchia sinistra e dalle sue parole d’ordine considerate nei migliori dei casi poco sincere. 

E che fanno i nostri masochisti di sinistra?  Invece di ringraziare e riflettere sui propri errori, criticano, ammoniscono e dileggiano. Le sardine sono giovani che si stanno affacciando adesso alla politica. Cercano la loro strada, e qualche ingenuità da parte loro è da mettere in conto. Ma non hanno sicuramente bisogno di lezioni  da chi negli ultimi anni ha esercitato tutto il suo acume solo nei talk show, e sul resto ha  sbagliato quasi tutto.

 La sorte – e la stupida ingordigia di Salvini – hanno riportato il centro-sinistra al governo. Ma si tratta davvero di una ultima occasione, che  rischia di andare sprecata se nel corso di questi mesi non ci sarà un vero cambiamento nelle idee, nelle politiche e nei volti che le rappresentano. Senza le sardine sarà molto dura. Anzi impossibile.

Battista Gardoncini

1 comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

L’ottimismo della conoscenza

Sulla sua pagina Facebook Guido Silvestri si presenta modestamente così: migrante italo-US, medico, scienziato, curioso di politica e…
LEGGI
LEGGI

Lo scandalo della Banca Romana

Ultime notizie dal mondo dorato dell’economia e della finanza. FCA è accusata di aver barato sulle emissioni dei…
LEGGI
LEGGI

Perché si chiamano bufale

Spopolano sul web, le “bufale”. Il termine è diventato di uso comune in questi tempi di post-verità, per…
LEGGI
LEGGI

Una stagione di libertà

Quarantacinque minuti di video, in rete, sono una eternità. E tuttavia vogliamo riproporli oggi, alla vigilia di una…
LEGGI
LEGGI

Due luci in redazione

I primi giorni del 2020 sono stati tristi per noi che abbiamo lavorato nella redazione torinese de L’Unità.…
LEGGI