Il mestiere del fotografo

La rete ci bombarda di fotografie. Telefonini sempre più sofisticati hanno reso semplice scattare, e perfino chi non sa nulla di diaframmi e tempi di esposizione riesce a ottenere risultati non disprezzabili. Ma quelle davvero belle, che lasciano traccia nella memoria, sono pochissime. Non sappiamo perché, però ci accorgiamo che sono diverse dalle altre, modificano la nostra percezione e ci aiutano a capire qualcosa di più degli uomini e delle cose. 

Per questo è doppiamente prezioso un libro come “Il mestiere del fotografo” pubblicato da Contrasto nella collana “Lezioni di fotografia”. L’autore è Reza Deghati, un fotografo iraniano noto semplicemente come “Reza”, che ha firmato alcuni dei migliori reportage di pace e di guerra comparsi sulle principali testate giornalistiche del mondo e sulle prestigiose pagine del National Geographic. Doppiamente, perché non si limita a proporre centocinquanta splendide immagini, ma racconta anche le circostanze di ogni scatto, i problemi tecnici affrontati, e i pensieri che lo hanno ispirato.

“Il mestiere del fotografo” non è il solito manuale per appassionati. E’ la riflessione di un grande fotografo, che ha affrontato la galera e la tortura nell’Iran dello Scià ed è stato costretto all’esilio dagli ayatollah semplicemente perché desiderava raccontare senza filtri quello che vedeva nel suo paese: la povertà e la violenza, insieme alla dignità e alla gioia di vivere. Un desiderio che non è mai venuto meno nelle centinaia di paesi che Reza ha visitato dopo essersi trasferito in Francia e avere conquistato la fama. 

Tutte le fotografie di Reza, quelle scattate a rischio della vita sui campi di battaglia e quelle più serene che raccontano la vita di ogni giorno nei più lontani angoli del globo, nascono dallo stesso atteggiamento: il fotografo – dice Reza – non può essere un cinico professionista, deve condividere la vita dei suoi soggetti, vestirsi come loro, mangiare come loro, aiutare se possibile chi è in difficoltà. E così può accadere che nel pieno di una tormenta di neve, incerto sulla strada da seguire, un aiuto insperato gli venga da un uomo e una donna su un asinello. La donna è avvolta nella coperta che qualche giorno prima Reza aveva consegnato alla famiglia nel quadro di una campagna di aiuto alle popolazioni locali. Una coperta che ha salvato tre vite, e ha regalato a tutti noi una splendida immagine.

Battista Gardoncini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

L’ottimismo della conoscenza

Sulla sua pagina Facebook Guido Silvestri si presenta modestamente così: migrante italo-US, medico, scienziato, curioso di politica e…
LEGGI
LEGGI

Perché si chiamano bufale

Spopolano sul web, le “bufale”. Il termine è diventato di uso comune in questi tempi di post-verità, per…
LEGGI
LEGGI

Lo scandalo della Banca Romana

Ultime notizie dal mondo dorato dell’economia e della finanza. FCA è accusata di aver barato sulle emissioni dei…
LEGGI