Gli eterni campioni

Il contatto fisico non c’é, ma questo non vuol dire che lo scontro sia meno violento. Anzi, gli scacchi, secondo l’ex campione del mondo Garry Kasparov, sono lo sport più violento che ci sia: vincere è importante non soltanto per il punteggio, ma anche per l’amor proprio, perché è la dimostrazione di una vera o presunta superiorità sul piano della intelligenza.  Ed è per questo che le sconfitte sulla scacchiera disturbano anche sul piano emotivo, e ogni partita viene combattuta come se si trattasse di una questione di vita o di morte.

Acqui Terme, che in questi giorni ospita i campionati mondiali seniores per over 50 e over 65, maschili e femminili, non fa eccezione. Tra i giocatori vi sono alcuni grandi campioni del passato, che non hanno rinunciato al loro sport e continuano a praticarlo con notevoli risultati. Lo spettacolo, come si vede dalle immagini che seguono,  è assicurato.

 

Potrebbero interessarti
LEGGI

L’ottimismo della conoscenza

Sulla sua pagina Facebook Guido Silvestri si presenta modestamente così: migrante italo-US, medico, scienziato, curioso di politica e…
LEGGI
LEGGI

Lo scandalo della Banca Romana

Ultime notizie dal mondo dorato dell’economia e della finanza. FCA è accusata di aver barato sulle emissioni dei…
LEGGI
LEGGI

Perché si chiamano bufale

Spopolano sul web, le “bufale”. Il termine è diventato di uso comune in questi tempi di post-verità, per…
LEGGI
LEGGI

Una stagione di libertà

Quarantacinque minuti di video, in rete, sono una eternità. E tuttavia vogliamo riproporli oggi, alla vigilia di una…
LEGGI
LEGGI

Due luci in redazione

I primi giorni del 2020 sono stati tristi per noi che abbiamo lavorato nella redazione torinese de L’Unità.…
LEGGI