Conosci il tuo nemico

Se avete due ore di tempo e masticate un po’ di inglese vi invito ad ascoltare l’intervista integrale che Vladimir Putin ha concesso al giornalista americano Tucker Carlson. Fatelo mettendo da parte per un momento l’opinione che avete di Putin e delle sue nefandezze, e anche la controversa storia professionale di Carlson, campione dell’ultradestra e gran sostenitore di Donald Trump. Pensate invece che questa intervista è la prima concessa da Putin a un giornalista americano dopo lo scoppio del conflitto in Ucraina, ed è anche una delle poche occasioni consentite all’opinione pubblica occidentale di ascoltare, senza mediazioni interessate, la voce del paese che gli Stati Uniti e i loro alleati stanno combattendo per interposta persona da due anni in Ucraina. 

In poche ore l’intervista ha ottenuto centoventicinque milioni di visualizzazioni sulla piattaforma X, e oltre 11 milioni di visualizzazioni sul canale Youtube del giornalista. Numeri impressionanti e in continua crescita, con buona pace dei molti commentatori con l’elmetto che l’hanno liquidata come “la solita sconclusionata propaganda putiniana”, e ne hanno volutamente ignorato i contenuti. 

Putin ha ribadito posizioni note, come la preoccupazione della Russia per l’espansione non concordata della Nato verso est e per gli scontri nelle aree russofone dell’Ucraina iniziati nel 2014, ma ha anche accennato esplicitamente alla necessità di trovare una soluzione diplomatica al conflitto. E quando Tucker gli ha chiesto se a suo avviso Zelensky avrebbe oggi  l’autorità per negoziare un accordo ha spiegato di non essere nei panni del suo avversario, ma di ritenere che egli abbia troppi condizionamenti interni ed esterni. Anche per questo Putin si è detto convinto della necessità di una trattativa diretta tra la Russia e gli Stati Uniti per mettere fine alla guerra. È l’occidente, secondo Putin, che ha convinto l’Ucraina a rifiutare gli accordi di pace sul punto di essere firmati a Istanbul nel 2022, nella errata convinzione di poter piegare la Russia con il sostegno militare all’Ucraina e con le sanzioni economiche. L’errore è stato dell’occidente, e spetta all’occidente riconoscerlo e trovare un modo soddisfacente per tutti per uscire dalla crisi. Ci vorrà del tempo  — è la  sua conclusione — ma un accordo si troverà.

Sun Tzu, il generale e filosofo cinese vissuto a cavallo tra il VI e il V secolo A.C, autore del famoso trattato sull’arte della guerra, diceva “se conosci il nemico e conosci te stesso, non devi temere il risultato di cento battaglie. Se conosci te stesso ma non il nemico, per ogni vittoria ottenuta subirai anche una sconfitta. Se non conosci né il nemico né te stesso, soccomberai in ogni battaglia.” A giudicare da questa intervista, Putin lo ha letto. Non sono certo che Biden, Zelensky e i loro alleati occidentali lo abbiano fatto.

Battista Gardoncini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

L’ottimismo della conoscenza

Sulla sua pagina Facebook Guido Silvestri si presenta modestamente così: migrante italo-US, medico, scienziato, curioso di politica e…
LEGGI
LEGGI

Perché si chiamano bufale

Spopolano sul web, le “bufale”. Il termine è diventato di uso comune in questi tempi di post-verità, per…
LEGGI
LEGGI

Lo scandalo della Banca Romana

Ultime notizie dal mondo dorato dell’economia e della finanza. FCA è accusata di aver barato sulle emissioni dei…
LEGGI