Non sempre si può vincere

Il problema è sempre lo stesso: imbattibili o quasi in Italia, balbettanti in Europa. Solo chi osserva con distrazione il calcio può però sorprendersi dell’avvio stentato della Juve in Champions League. Da troppo tempo l’Italia non riesce a portare più di due squadre nella massima manifestazione continentale e  anche quest’anno i sogni della Roma si sono sciolti nel preliminare di Ferragosto. L’ultima vittoria risale all’Inter di Mourinho e se la Juve è riuscita due anni fa ad arrivare alla finale, lo deve a un sorteggio benevolo almeno fino alla semifinale.
Il resto è storia di stenti e spesso umiliazioni. Tra tutte le italiane la Juve è tuttavia la sola a poter vantare un’organizzazione davvero internazionale. Ha uno stadio di proprietà, una gestione economica accorta, un allenatore intelligente che, particolare non trascurabile, parla o almeno studia le lingue.
Cosa le manca dunque? I maligni, ma solo loro, parlano del famoso aiutino…
Alla Juve, a questa Juve, non manca invece proprio nulla per lottare per la Champions. La sola vera differenza rispetto al campionato italiano è che in Europa si incontrano squadre vere contro le quali si può vincere, pareggiare, e anche perdere. Come cantavano mezzo secolo fa i Rokes, non sempre si può vincere. Ma i tifosi bianconeri preferirebbero dimenticare che il titolo del brano era “Bisogna saper perdere”.
Il Trombettiere 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Le imbottiture – 3

di Salvo Gianì – È l’ultimo post della serie relativa ai capi di abbigliamento. Come i precedenti, raccoglie…
LEGGI
LEGGI

30 anni fa Reinhard Karl

Reinhard Karl, classe 1946, di Heidelberg, è morto sulla parete sud del Cho Oyu il 19 maggio 1982.…
LEGGI
LEGGI

La peste della cenere

Spettacolare eruzione dell’Etna nella notte tra il 31 marzo e il primo aprile con ricaduta di cenere sul…
LEGGI
LEGGI

Le montagne di Roma

Con 272 sì, 153 no e 15 astenuti la camera ha definitivamente approvato la legge sull’Imu agricola, che…
LEGGI
LEGGI

Adieu Maurice Herzog

Giovedì 13 dicembre, all’età di 93 anni, in una casa di riposo di Neuilly-sur-Seine, in Francia, è morto…
LEGGI