Lezioni siberiane

di Victor Serge.

La natura ha le sue leggi. L’Italia dei primi di febbraio, investita da freddi siberiani e eccezionali nevicate, se ne è dimenticata, e per qualche giorno ha cercato di vivere come se niente fosse successo, in una babele di disservizi e di proteste che hanno risparmiato soltanto i comuni di montagna, forti di esperienze dimenticate dalle grandi città. A volte, ma soltanto a volte, l’essere piccoli e trascurati può essere un vantaggio, perché si impara a contare solo sulle proprie forze e sulle risorse della comunità.

In pianura i treni sono stati un disastro, le autostrade pure. Gli aeroporti si sono bloccati. I negozi hanno esaurito le scorte,  l’acqua e l’elettricità sono venute a mancare, mentre le scorte di gas si sono pericolosamente assottigliate. L’ondata di freddo sarà pure stata eccezionale, ma quel che è apparso evidente è l’incapacità delle nostre società complesse ad adattarsi a condizioni diverse dalla norma. Si badi, diverse, non impreviste, perché ormai la scienza ha in mano strumenti efficacissimi di analisi dei fenomeni atmosferici, e aveva annunciato con largo anticipo quel che poi sarebbe accaduto.

Il fatto che invece di misure atte a superare le emergenze siano arrivate le polemiche tra tecnici e politici non è una novità. Ma indica una difficoltà di fondo. Più una società si basa sulla tecnologia, più è vulnerabile quando vengono colpite le sue reti  di distribuzione. A questo bisogna aggiungere che le nostre infrastrutture sono in genere vecchie e appena sufficienti per reggere la normalità. Trenitalia, ad esempio,  ha scelto di privilegiare i grandi corridoi di scorrimento veloce e ha lasciato al loro destino le linee minori frequentatissime dai pendolari, sacrificando sull’altare del calcolo economico tutte le ridondanze di uomini e di mezzi delle vecchie “ferrovie dello stato”.  Ma gli esempi si potrebbero estendere a tanti altri servizi essenziali.

Le colpe, però, non sono tutte dalla parte delle cosiddette autorità. Gli psicologi sottolineano  i problemi che nascono dalla troppa sicurezza dell’uomo occidentale, cresciuto nella convinzione che l’ambiente sia quasi sempre amichevole e sicuro, e che in ogni caso ci sia sempre qualcun altro in grado di intervenire per risolvere le difficoltà. Il freddo siberiano di febbraio  ha dimostrato che non sempre è così, e che di fronte alle avversità gli abitanti della montagna hanno reagito meglio di quelli delle pianure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Le imbottiture – 3

di Salvo Gianì – È l’ultimo post della serie relativa ai capi di abbigliamento. Come i precedenti, raccoglie…
LEGGI
LEGGI

30 anni fa Reinhard Karl

Reinhard Karl, classe 1946, di Heidelberg, è morto sulla parete sud del Cho Oyu il 19 maggio 1982.…
LEGGI
LEGGI

Adieu Maurice Herzog

Giovedì 13 dicembre, all’età di 93 anni, in una casa di riposo di Neuilly-sur-Seine, in Francia, è morto…
LEGGI
LEGGI

L’angelo della Mole

Se n’è andato due anni fa. Era nostro amico da sempre. Si chiamava Jvan Negro, era una guida…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI