Everest, si ricomincia

In Nepal e in Tibet, la stagione dell’Everest è ricominciata. Tutte le spedizioni si sono ormai attestate ai rispettivi campi base sui due opposti versanti della montagna. Le vere novità alpinistiche sono due. La cordata di Denis Urubko e Alexey Bolotov, già in attività mentre scriviamo, sta cercando di salire la gigantesca parete sud ovest dell’Everest per una via nuova, senza ossigeno e senza portatori d’alta quota. Si tratta di un progetto ambizioso e molto difficile. Da parte loro, Simone Moro e lo svizzero Ueli Steck sono pure loro intenzionati ad aprire una via nuova senza ossigeno e in stile alpino. Decideranno sul momento dove salire, ma certamente rimarranno lontani dagli itinerari battuti.

Kh1Al solito, c’è da giurarlo, i guai si concentreranno per la maggior parte sulla via normale nepalese, ormai monopolizzata dalle spedizioni commerciali. Anzi, nel silenzio generale, sono già cominciati. Da poco è morto il 45enne Mingmar Sherpa, che faceva parte degli Everest Icefall Doctors, la squadra di sherpa specializzata nell’attrezzare con scale di alluminio e corde fisse l’itinerario di salita (ma anche nel curare la manutenzione), nel tratto della gigantesca seraccata dell’Icefall, che sovrasta il campo base nepalese. Mingmar e i suoi colleghi avevano appena completato l’attrezzatura del percorso e cominciavano a trasportare il materiale ai campi alti I e II, fin oltre i 6000 metri. Nel corso della discesa dal campo II (6600 m), lo sherpa è scivolato finendo in un crepaccio dopo una caduta mortale. Ovviamente, come dicevamo, la notizia non è quasi rimbalzata sulla stampa, ma noi abbiamo deciso di proporla ai nostri lettori per ribadire ancora una volta cosa succede dietro le quinte della corsa all’Everest. Un’attività che, considerando i retroscena, la logistica e le modalità con cui si svolge, assomiglia sempre di più a una vera e propria industria del turismo d’altissima quota. E che non ha più nulla a che fare con l’himalaysmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Le imbottiture – 3

di Salvo Gianì – È l’ultimo post della serie relativa ai capi di abbigliamento. Come i precedenti, raccoglie…
LEGGI
LEGGI

30 anni fa Reinhard Karl

Reinhard Karl, classe 1946, di Heidelberg, è morto sulla parete sud del Cho Oyu il 19 maggio 1982.…
LEGGI
LEGGI

Adieu Maurice Herzog

Giovedì 13 dicembre, all’età di 93 anni, in una casa di riposo di Neuilly-sur-Seine, in Francia, è morto…
LEGGI
LEGGI

L’angelo della Mole

Se n’è andato due anni fa. Era nostro amico da sempre. Si chiamava Jvan Negro, era una guida…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI