Che succede in Nepal?

images
2013-11-01-elections-nepal-01Mentre il Nepal attende le elezioni per l’Assemblea Costituente (la data prevista è il 19 novembre), a Kathmandu si fanno i conti dell’industria turistica. Secondo il ministero del Turismo, più 800.000 visitatori hanno visitato il Paese nel corso del 2012. Da quando il Nepal è entrato nella fase post bellica, nel 2006, ai piedi dell’Himalaya si sta assistendo a un continuo boom di arrivi. Stando alle statistiche ufficiali, il 48 per cento dei turisti si reca nel Paese delle nevi per viaggi e vacanze. Tra i restanti, il 14 per cento è interessato al trekking e alle scalate, e il 13% è invece attratto dai pellegrinaggi verso mete buddiste o induiste.

Il contributo del turismo al Pil nepalese è aumentato del 2,4% nel 2009-2010, dell’1,8% nel 2010-2011, e del 2 % tra il 2011 e il 2012. Sotto la voce “viaggi” sono entrate 24,61 miliardi di rupie nel 2010-2011 e ben 30,70 miliardi di rupie nel 2011-2012.

Il problema principale del Nepal è, al momento, la stabilità politica, che ancora tarda a venire. Dopo le prime elezioni all’Assemblea Costituente del 2008, che non produssero alcun risultato, le prossime elezioni dovrebbero portare finalmente il Paese verso una nuova costituzione. Ma la cosa non è affatto certa. Trentatre piccoli partiti stanno infatti cercando di boicottare le elezioni, e fra questi c’è anche il gruppo del maoista Mohan Baydia, che guida il Comunist Party of Nepal-Maoist, il gruppo “fondamentalista” dei maoisti (la maggioranza dei maoisti supporta invece il United Maoist Party of Nepal, più moderato, che appoggia Prachanda, ex-primo ministro nel 2011 per 9 mesi, e che promuove le elezioni).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Le imbottiture – 3

di Salvo Gianì – È l’ultimo post della serie relativa ai capi di abbigliamento. Come i precedenti, raccoglie…
LEGGI
LEGGI

30 anni fa Reinhard Karl

Reinhard Karl, classe 1946, di Heidelberg, è morto sulla parete sud del Cho Oyu il 19 maggio 1982.…
LEGGI
LEGGI

Adieu Maurice Herzog

Giovedì 13 dicembre, all’età di 93 anni, in una casa di riposo di Neuilly-sur-Seine, in Francia, è morto…
LEGGI
LEGGI

L’angelo della Mole

Se n’è andato due anni fa. Era nostro amico da sempre. Si chiamava Jvan Negro, era una guida…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI