Altre news dal Nepal

Nepal — Ieri a Kathmandu si è tenuta una riunione tra la delegazione sherpa e alcuni funzionari governativi a proposito della questione Everest. Al termine dell’incontro è stato deciso di inviare un emissario del Governo al campo base della montagna, per discutere la situazione sul posto. Fino ad oggi non è però stata trovata una soluzione ai gravi problemi emersi in seguito alla tragedia di venerdì scorso.

it-everest-trekking-al-campo-base-delleverest-f310Nemmeno all’interno della comunità EvSherpa il dibattito si è ancora mitigato. Sono soprattutto i giovani, capaci di utilizzare bene i social network, a non volersi arrendere all’abitudine e a insistere nelle richieste al Governo del Nepal. E ci si chiede perché, oltre a garantire la sicurezza agli occidentali, non si faccia il possibile per migliorare anche quella di quanti lavorano per gli scalatori stranieri. Di fatto, oggi, la vita di un nepalese sembra valere assai meno di una guida che arriva dall’estero: paghe assai più basse, premi assicurativi ridicoli, probabilità infinitamente maggiori di incappare in un incidente sul lavoro.

Grande continua ad essere la costernazione nei villaggi dell’alta valle del Khumbu e il dolore per non essere riusciti a recuperare i dispersi dopo la caduta della valanga. Occorre tener presente che la tradizione buddista impone che il corpo dei defunti venga cremato poco dopo il decesso, in modo da garantire loro un tempo di reincarnazione veloce.

Nel frattempo la stagione alpinistica sull’Everest è davvero in bilico. L’“industria” delle scalate si è ferma del tutto. Di solito, in queste settimane, erano già in atto le prime salite di acclimatamento e le prime squadre incaricate di piazzare le corde fisse avevano già posto piede alle quote più elevate…

1 comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Le imbottiture – 3

di Salvo Gianì – È l’ultimo post della serie relativa ai capi di abbigliamento. Come i precedenti, raccoglie…
LEGGI
LEGGI

30 anni fa Reinhard Karl

Reinhard Karl, classe 1946, di Heidelberg, è morto sulla parete sud del Cho Oyu il 19 maggio 1982.…
LEGGI
LEGGI

L’angelo della Mole

Se n’è andato due anni fa. Era nostro amico da sempre. Si chiamava Jvan Negro, era una guida…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI