Le Alpi del futuro

Il 26-27 aprile scorsi a Grassau, in Baviera, sono state gettate le basi per creare una regione alpina “capace di futuro”. Più di 90 partecipanti da 7 Paesi si sono incontrati per discutere del futuro delle Alpi e delle concrete possibilità d’azione dei comuni.

Si è partiti da una constatazione: le sfide poste alla società alpina possono essere paragonate a un intreccio di radici. Queste ultime si presentano intrecciate l’una all’altra in modo stratificato e complesso, e prendendo in considerazione un singolo settore si corre il rischio di avere un approccio limitato e unilaterale.

Rete 2la Conferenza annuale della Rete di Comuni “Alleanza nelle Alpi” si è occupata, con un approccio complessivo, dello spazio di vita naturale e sociale nelle Alpi, e ha affrontato temi che vanno dal cambiamento climatico alla protezione della natura, fino ai mutamenti che interessano l’economia e la società.

Wolfgang Pfefferkorn nella relazione introduttiva ha esortato i convenuti ad agire con un approccio orientato al futuro. Per garantire a lungo termine la qualità della vita, i presupposti di una società compatibile con la natura devono essere posti al di sopra della crescita e di un consumo eccessivo di merci e materie prime. Pfefferkorn ha sostenuto inoltre che è fondamentale disporre dell’apprezzamento di tutte le persone che abitano in un comune e il contributo delle loro idee, ma è anche importante promuovere lo scambio tra i comuni e recepire impulsi dall’esterno.

Per i comuni messi in rete è tutto più semplice, perché possono approfittare delle esperienze dei propri partner. Quattro escursioni nei dintorni di Grassau hanno illustrato le strategie locali a livello comunale e regionale. Nel corso dei seminari i rappresentanti dei comuni hanno potuto dare il proprio contributo di idee e visioni. Il confronto si è sviluppato attorno ai temi di clima, protezione dell’ambiente naturale, capacità d’azione sociale e creazione di valore aggiunto regionale. I risultati dei seminari confluiranno nelle prossime attività di AidA e sono già stati presi in considerazione per definire i temi delle prossime manifestazioni. Nello stesso tempo, costituiscono i punti di riferimento per i prossimi programmi e progetti comuni.

La conferenza annuale ha costituito inoltre la cornice all’interno della quale ha preso il via il programma dynAlp-nature. Il nuovo programma dynAlp si prefigge di sostenere progetti di cooperazione transfrontaliera che attuino misure di protezione della natura, come ad esempio la creazione e la conservazione di biodiversità, forme di gestione semi-naturale di terreni privati e pubblici o l’agricoltura biologica. Le proposte tematiche elaborate nel corso della conferenza saranno pubblicate tra breve sul sito di AidA (Allianz in den Alpen / Alleanza nelle Alpi). I comuni interessati possono annunciarsi senza impegno attraverso il sito oppure contattando gli animatori AidA.

Durante la conferenza, i progetti già realizzati sul tema del clima hanno potuto essere apprezzati in una mostra di poster. I comuni che hanno ottenuto il sostegno del programma dynAlp-climate hanno potuto presentare il loro lavoro e nello stesso tempo trasmettere ad altri membri il know-how così acquisito.

La Rete di comuni “Alleanza nelle Alpi” si riunirà per la prossima conferenza annuale nel giugno 2014 nello Zillertal/Austria.

Rete di comuni “Alleanza nelle Alpi” / Gemeindenetzwerk “Allianz in den Alpen” / Réseau de communes “Alliance dans les Alpes” / Omrežje obcin “Povezanost v Alpa”: Im Bretscha 22 o Postfach 142 o FL-9494 Schaan, tel. +423 237 53 88 o Fax +423 237 53 54, www.alleanzalpi.orginfo@alleanzalpi.org

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Le imbottiture – 3

di Salvo Gianì – È l’ultimo post della serie relativa ai capi di abbigliamento. Come i precedenti, raccoglie…
LEGGI
LEGGI

30 anni fa Reinhard Karl

Reinhard Karl, classe 1946, di Heidelberg, è morto sulla parete sud del Cho Oyu il 19 maggio 1982.…
LEGGI
LEGGI

L’angelo della Mole

Se n’è andato due anni fa. Era nostro amico da sempre. Si chiamava Jvan Negro, era una guida…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI