A che gioco giochiamo?

di Victor Serge – Per tutti noi la montagna è un magnifico terreno di gioco. Spesso faticoso, a volte addirittura rischioso, sempre affascinante per la bellezza dei luoghi e per le gratificazioni  che dà.  Non stupisce dunque che sul tema della montagna si siano esercitati, soprattutto in passato, anche i creatori di giochi da tavolo.

Una delle più ricche collezioni di giochi dedicati alla montagna è conservata al Museo nazionale della Montagna di Torino,  che periodicamente ne espone parti di grande interesse nelle sale al Monte dei Cappuccini.  In questi giorni, e fino al 16 giugno del 2013, è possibile vedere i giochi dedicati alla conquista dei Poli. Ma negli archivi c’è molto altro: alpinismo, sci, viaggi esplorazioni. Un patrimonio che è ben raccontato, con immagini e  testi filologicamente ineccepibili, in un poderoso volume appena pubblicato da Priuli e Verlucca.

La raccolta del museo è cominciata quasi per caso “sotto l’impulso – scrivono Aldo Audisio e Antonella Lombardo, curatori con Ulrich Schädler del volume – del caso e della curiosità suscitata da poche scatole ingiallite e sgangherate trovate nei mercatini dell’antiquariato. Ma non ci è voluto molto a cogliere il lato culturalmente stimolante di questa attività, e sono seguite regolari e mirate acquisizioni. Così il lavoro di ricerca e catalogazione è proseguito con metodo e con il contributo di collezionisti e istituzioni culturali di ogni parte del mondo”.

Ci sono giochi per tutti i gusti e per tutte le tasche, compresi quelli che oggi considereremmo “politicamente scorretti”, come il tiro al pinguino con tanto di pistola e freccette. Dadi a volontà, per avanzare sulle gelide piste del Klondike, scalare le montagne più alte, attraversare i boschi più fitti. Una carta sbagliata, e ci si ritrovava a valle, mentre gli altri giocatori erano a un passo dalla meta. Una pianificazione disattenta, e venivano a mancare i viveri e le forze per proseguire.

Erano altri tempi, la televisione non aveva ancora portato in tutte le case gli angoli più lontani del pianeta, e attraverso i giochi bambini e adulti scoprivano  la natura selvaggia, imparavano la geografia, rivivevano le imprese dei grandi esploratori. Da quei  disegni, raffinati o ingenui che fossero, alcuni di loro ricevettero la spinta decisiva a calzare uno scarpone. Tutti gli altri, spostando i loro  segnalini lungo quelle caselle numerate, conobbero se non altro il piacere di una serata in compagnia. Può sembrare poca cosa. Ma non è detto che oggi, incollati come siamo agli schermi del computer, le cose vadano meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Le imbottiture – 3

di Salvo Gianì – È l’ultimo post della serie relativa ai capi di abbigliamento. Come i precedenti, raccoglie…
LEGGI
LEGGI

30 anni fa Reinhard Karl

Reinhard Karl, classe 1946, di Heidelberg, è morto sulla parete sud del Cho Oyu il 19 maggio 1982.…
LEGGI
LEGGI

L’angelo della Mole

Se n’è andato due anni fa. Era nostro amico da sempre. Si chiamava Jvan Negro, era una guida…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI