Un’ombra sulla verità

La vita tranquilla di una famiglia parigina – padre di origine ebraica, madre e figlia adolescente – va in frantumi quando lui decide di vendere una cantina a un professore di storia che si rivela un negazionista antisemita. L’uomo, caduto in disgrazia dopo essere stato cacciato dall’insegnamento, usa la cantina come abitazione, e la sua silenziosa presenza sconvolge gli equilibri famigliari, mentre gli altri condomini assistono con sostanziale indifferenza allo scontro. 

“L’homme de la cave”, del regista francese Philippe Le Guay, è arrivato in Italia con il titolo “Un’ombra sulla verità”, che vorrebbe essere evocativo, ma è meno efficace dell’originale. Tutto il film si gioca infatti sul contrasto tra l’appartamento solare dove vive la famiglia, simbolo di un benessere politicamente corretto, e la cantina umida e buia, dove si annida il male che ha il volto disfatto dell’attore François Cluzet. Ma a complicare le cose c’è il fatto che Cluzet è apparentemente un uomo mite e simpatico, mentre i membri della famiglia non lo sono. Lui, interpretato da Jérémie Renier, è un architetto molto impegnato, che ha preferito dimenticarsi delle oscure storie dei suoi nonni negli anni delle persecuzioni razziali. Lei, interpretata dalla brava Bérénice Bejo, prende così a cuore la vicenda da sembrarne quasi ossessionata. E la loro figlia adolescente, una Victoria Eber perfetta nella parte, nasconde sotto l’insicurezza anche qualche inaspettata crudeltà.

Le Guay si era già fatto apprezzare con un altro film dove un condominio diventava una metafora della vita. “Le donne del sesto piano” erano infatti le domestiche di origine spagnola che abitavano nelle camerette senza servizi di un sottotetto parigino, e scendevano le scale per servire le famiglie borghesi che le avevano assunte. Con “L’ombra sulla verità” conferma il suo impegno sociale, e anche la capacità di tenere fino all’ultimo lo spettatore con il fiato sospeso. Da vedere. 

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI