Un divano a Tunisi

Leggero, a tratti discontinuo e con qualche personaggio non risolto, come a volte accade nelle opere prime, “Un divano a Tunisi” della regista franco-tunisina Manele Labidi Labbé è tuttavia un film che vale la pena di vedere per esorcizzare con un sorriso il ritorno del Covid e per capire qualcosa di più di una Tunisia che gli europei conoscono quasi soltanto come porto di partenza dei barconi di migranti.

La bella attrice iraniana Golshifteh Farahani, che ha dovuto abbandonare il suo paese ed è diventata una star di Hollywood grazie a Ridley Scott, interpreta Selma, una squattrinata psicoanalista che dopo essersi laureata in Francia decide di tornare nel suo paese natale e apre uno studio in un quartiere popolare della capitale. Il successo è immediato: le turbolente vicende della primavera araba hanno sconvolto abitudini e costumi, e molti non hanno saputo adattarsi aIla nuova realtà di un paese dove il lavoro manca, la polizia è onnipresente, la burocrazia corrotta soffoca lo spirito di iniziativa dei singoli.

Sul divano di Selma, sotto l’occhio severo di un ritratto di Freud modificato con un fez rosso, si alternano una parrucchiera intraprendente, ma frenata da un difficile rapporto con la madre, un imam in crisi di identità, un panettiere che sogna di fare l’amore con tutta una serie di dittatori arabi, un ex detenuto politico che teme di essere ancora controllato dal regime. A Selma, dopo la disapprovazione iniziale, si rivolgono anche alcuni parenti in crisi di identità, e di lei si innamora un  poliziotto troppo ligio al dovere, che rimette tutto in discussione quando scopre che Selma non ha l’autorizzazione per esercitare in Tunisia. 

Nel film ci sono momenti di irresistibile umorismo – Selma e il poliziotto si incontrano quando lui le fa l’alcol test annusandole l’alito perché non ci sono palloncini a causa dei tagli del budget – e altri che invitano a più serie riflessioni. A volte i due piani sembrano scollegati, ma il risultato, nel complesso, è gradevole. 

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

La crisi degli stati nazionali

A chi ne ha abbastanza delle squallide beghe della nostra politica consigliamo la lettura di uno stimolante articolo…
LEGGI