Un delta deludente

Di solito preferisco il silenzio alle stroncature. Ma per “Delta”, di Michele Vannucci, faccio una eccezione. Ero andato a vederlo con grandi aspettative per la presenza di un ottimo attore come Luigi Lo Cascio e le suggestiva ambientazione nel delta del Po, e mi sono ritrovato a guardare un film pretenzioso e a tratti irritante, con tutti i difetti tipici del cinema italiano cosiddetto “d’autore”. 

La storia è costruita sul violento contrasto tra i pescatori locali, aiutati da una associazione ambientalista, e un gruppo di romeni che pratica la pesca di frodo con la corrente elettrica. Lo Cascio è Osso, il legalitario presidente della associazione, che cerca in tutti i modi di tenere a bada la combattiva sorella, interpretata da Greta Esposito. La sua donna – Emilia Scarpati – lo ha lasciato due anni prima e ha iniziato una relazione pericolosa con il bracconiere Elia, che ha scelto di vivere con i romeni, e ha il volto di Alessandro Borghi. 

L’esito è scontato. Ma prima di arrivarci ci sono quasi due ore di alcol che scorre a fiumi, urla, corse affannose nei boschi immersi nella nebbia e bagni fuori stagione nella paludi del delta. Sarebbero troppe anche se i protagonisti fossero efficaci, ma le due donne, non saprei dire se per scelta del regista o loro incapacità, sono così sopra le righe da risultare fastidiose, mentre il volto inespressivo di Borghi resta tale nonostante gli sforzi del truccatore e le inquadrature ravvicinate destinate a esaltare il tormento interiore del personaggio. 

Lo Cascio è sempre Lo Cascio, e ovviamente sa recitare. Ma i suoi lineamenti delicati e il fisico minuto lo rendono poco credibile nei panni di un uomo a suo agio nel durissimo ambiente del delta. Era presente in sala, e dopo la proiezione ha conversato brevemente con il pubblico. Simpatico e disponibile, non è sembrato che il film fosse al centro dei suoi pensieri. Forse, però, è stata una mia impressione.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI