The way back

Con due anni di ritardo, è finalmente arrivato nelle sale italiane l’ultimo film di Peter Weir, il regista di Picnic a Hanging Rock e The Truman Show. Si intitola The Way Back, e racconta la storia della rocambolesca fuga dell’ufficiale polacco Slawomir Ravicz e di sei compagni da un lager siberiano fino all’India, con una marcia di seimila chilometri durata un anno, tra il 1941 e il 1942. Ravicz narrò la sua epica impresa, con la traversata a piedi delle foreste siberiane, del deserto del Gobi e dei difficili passi himalaiani,  in un  libro del 1956, che fu tradotto in 25 lingue e vendette oltre un milione di copie. In Italia è stato pubblicato da Corbaccio con il titolo “Tra noi e la libertà”.

Nel 2006 un documentario della BBC mise in dubbio molti aspetti della storia. Dagli archivi sovietici risulta ad esempio che Ravicz fu arrestato e condannato  a 25 anni di carcere  per l’uccisione di un ufficiale dell’ NKDV, e non perché considerato una spia come lui sostiene nel libro. Inoltre non vi sarebbero conferme della sua detenzione nel gulag 303, 650 chilometri a sud del circolo polare artico. Anche secondo i documenti dell’armata polacca  Ravicz arrivò in Iran nel 1942 non dall’India, ma  direttamente dall’Unione Sovietica. Un altro polacco sostenne che la storia era vera, ma che il protagonista era lui e non Ravicz.  Altre testimonianze sembrano invece dare credito al racconto di Ravicz, che dopo la guerra si stabilì in Inghilterra, mise su famiglia e morì nel 2004.

Weir ha difeso la versione di Ravicz, ma ha anche dichiarato che il suo film, pur ispirato al libro, è comunque un’opera di fantasia. In ogni caso The Way Back non può non piacere a chi ama la natura, i grandi spazi, e le imprese straordinarie. Il regista australiano si avvale di un cast di prim’ordine, e ha trovato in Bulgaria, Marocco e India la giusta ambientazione per la vicenda. Come avete visto nel trailer .

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

La crisi degli stati nazionali

A chi ne ha abbastanza delle squallide beghe della nostra politica consigliamo la lettura di uno stimolante articolo…
LEGGI