The Gray Man, solo per appassionati del genere

Molto atteso, e presentato come una delle produzioni più costose della storia di Netflix, è finalmente  disponibile in streaming “The Gray Man” dei fratelli Anthony e Joe Russo, che si sono avvalsi di un cast di tutto rispetto: Ryan Gosling, Ana de Armas, Chris Evans e Billy Bob Thornton. Per chi ama il cinema di azione i film dei due fratelli, diventati famosi con la saga dei supereroi della Marvel, sono sempre appuntamenti da non  perdere, e questo non fa eccezione. Le sparatorie, gli inseguimenti e i combattimenti corpo a corpo sono stati girati senza risparmio di mezzi e con indubbia maestria tecnica, e si svolgono in scenari di sogno: Praga, Berlino, Parigi, la Croazia. Chi cerca in una storia anche un minimo di profondità e di credibilità può restare perplesso, e forse anche annoiato per le oltre due ore di proiezione. Ma “The Gray Man” resta comunque un prodotto godibile e di sicuro successo commerciale.

Ryan Gosling è Sierra Six, un ex galeotto che la CIA ha trasformato in una micidiale macchina per uccidere. Portando a termine il suo ultimo incarico scopre che non è tutto come sembra, e da cacciatore diventa preda. Sulle sue tracce l’agenzia mette lo psicopatico Chris Evans, e tra i due inizia una guerra senza esclusione di colpi. La conclusione è scontata, ma anche  “aperta”, sicuro indizio della volontà dei Russo di avviare un filone ispirato ai best-seller di Mark Greaney. Molto dipenderà dal gradimento di questa prima puntata, e cioè dai clic sulla piattaforma Netflix, che a giudicare dai primi giorni di programmazione sono numerosi.

Dunque chi ha apprezzato la glaciale freddezza di Gosling, completamente trasformato anche nel fisico rispetto al fantastico musicista di “La La Land”, e la bellissima e micidiale Ana De Armas, può dormire sonni tranquilli: quasi sicuramente i due  torneranno in pista, pronti a fare giustizia dei cattivi che per il momento sono sfuggiti alla loro vendetta. 

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI