Servillo e Orlando mattatori

Poco pubblicizzato, e fuori concorso a Venezia, “Ariaferma” di Leonardo Di Costanzo è a mio parere un film bello e coinvolgente, nobilitato dalla maiuscola prestazione di due grandi attori come Toni Servillo e Silvio Orlando. 

Siamo in un fatiscente carcere sardo sull’orlo della chiusura. Per un disguido burocratico dodici detenuti non trovano sistemazione altrove, e con loro resta un piccolo gruppo di agenti di custodia guidato da Servillo. La mensa è chiusa e il cibo arriva da un appalto esterno, ma è di pessima qualità e viene rifiutato. Per evitare una rivolta Servillo accetta di riaprire la cucina interna, e il camorrista Orlando, quasi a fine pena, si offre di cucinare per tutti, detenuti e guardie. Controllato a vista, improvvisa i piatti poveri e gustosi che il padre ristoratore gli aveva insegnato molti anni prima, e apre una breccia nella severa routine carceraria. Apparentemente tutto resta come prima, i ruoli vengono rispettati e le regole durissime della detenzione non cambiano, però nell’animo dei detenuti e degli agenti accade qualcosa, che viene evidenziato quando un black-out dell’impianto elettrico costringe tutti a muoversi alla luce delle torce.

“Ariaferma” quasi non ha trama. Si limita a raccontare con asciutto rigore la realtà del carcere, le storie individuali dei detenuti e quelle dei secondini che condividono la loro claustrofobica esistenza tra porte sbarrate, mura e corridoi.  

Leonardo Di Costanzo non ha bisogno di calcare i toni. Si limita a riprendere con maestria il vecchio carcere e a sfruttare la bravura dei due protagonisti e degli altri interpreti: Fabrizio Ferracane, Salvatore Striano, Roberto De Francesco, Pietro Giuliano, Nicola Sechi, Leonardo Capuano, Antonio Buil Pueyo, Giovanni Vastarella. L’unica donna, Francesca Ventriglia, è la direttrice che compare per pochi minuti prima di lasciare gli occupanti del carcere al loro destino di maschi in gabbia. 

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI