Sedici anni a Guantanamo

“The Mauritanian”, del regista inglese Kevin Macdonald, racconta la storia vera di Mohamedou Ould Slahi, un giovane mauritano catturato dalla Cia dopo gli attentati dell’11 settembre e detenuto per 16 anni a Guantanamo, senza altre prove che una confessione estorta con la tortura. Nel 2010, dopo una durissima battaglia legale, i suoi avvocati avevano ottenuto da un giudice l’ ordine di scarcerazione in base al principio dell’habeas corpus, che garantisce a tutti i cittadini il diritto di comparire davanti a un giudice per difendersi dalle accuse.  Ma il governo degli Stati Uniti lo tenne in carcere senza processo per altri sei anni prima di restituirgli la libertà. Mentre era ancora prigioniero Mohamedou scrisse un libro sula vicenda, che divenne un best-seller internazionale.

Kevin Macdonald è un regista eclettico, vincitore di un Oscar con un documentario sulla strage alle Olimpiadi di Monaco del 1972 e autore di film di successo come “La morte sospesa” e “L’ultimo re di Scozia”. In questo film si avvale di un cast di prim’ordine. Tahar Rahim è un Mohamedou che trova nella fede e nella consapevolezza di essere innocente la forza per resistere nell’inferno di Guantanamo. Una splendida Jodie Foster è Nancy Hollander, la combattiva avvocatessa che spezza il muro di omertà attorno al caso. Benedict Cumberbatch è Stu Couch, il procuratore militare che vorrebbe processare e condannare a morte Mohamedou, ma si rende conto di tutte le mostruosità giuridiche commesse dal governo e rinuncia all’incarico. 

La descrizione del carcere Guantanamo, con le sue regole pensate per annientare psicologicamente i prigionieri, è di grande efficacia. E fa male pensare che la struttura sia ancora attiva nonostante gli incerti tentativi dell’ex presidente Obama di chiuderla.

“The Mauritanian” è stato inizialmente distribuito nelle sale cinematografiche americane. In Italia è disponibile solo su Prime Video.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI