S come Stanley

In Italia i documentari hanno poco mercato e per questo vengono spesso considerati un genere minore, più adatto alla televisione che al cinema. Ma ci sono le eccezioni. Con grande piacere, quindi, ho ritrovato in questi giorni su Raiplay “S come Stanley” di Alex Infascelli, che racconta molti aspetti inediti della vita del grande regista Stanley Kubrick attraverso la testimonianza di Emilio D’Alessandro, un italiano che per trent’anni gli è stato vicino come autista, tuttofare e amico.

Nel 2016 “S come Stanley” ha vinto il premio David di Donatello come miglior documentario. Per realizzarlo Infascelli ha impiegato  tre anni, e si vede. Con l’aiuto di Emilio ha raccolto una grande massa di documenti e di cimeli. Lo  ha intervistato nella sua casa di campagna di Cassino, dove si è ritirato, ma lo ha anche seguito a  Londra e negli altri luoghi dove il suo rapporto di lavoro con Kubrick si è trasformato in una singolare e asimmetrica amicizia. Da una parte il regista geniale, impegnato in modo maniacale nella realizzazione dei suoi capolavori, e bisognoso di attenzione continua per tutti gli aspetti della vita quotidiana. Dall’altra la dedizione assoluta di un uomo semplice e schietto, che esegue senza discutere e per Kubrick trascura la  famiglia. 

Emilio guida, giorno e notte.  Trasporta sotto la neve l’enorme e iconico fallo usato in Arancia Meccanica. Nutre i cani e i gatti del regista.  Acquista le candele necessarie a dare la luce giusta agli ambienti di Barry Lyndon. Ripara gli elettrodomestici. Fotografa lo stabilimento del gas abbandonato alle porte di Londra dove viene girato Full Metal Jacket. Fa la spesa. In Eyes Wide Shut compare in un cameo, e Kubrick lo omaggia dando il suo nome a un bar frequentato da Tom Cruise. 

Il sodalizio si interrompe il 7 marzo 1999, quando Kubrick muore per un infarto.  Emilio torna in Italia con i suoi ricordi.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

La crisi degli stati nazionali

A chi ne ha abbastanza delle squallide beghe della nostra politica consigliamo la lettura di uno stimolante articolo…
LEGGI