Roubaix, storia di un declino

Per molti italiani Roubaix è soltanto il traguardo di una classica del ciclismo che parte da Parigi e si corre nel Nord della Francia in condizioni durissime. Ma è anche una città con un grande passato industriale e un presente di disoccupazione, povertà e degrado. “Roubaix – Una luce nell’ombra” è un film di Arnaud Desplechin che racconta questo declino attraverso la normale attività di un commissariato periferico guidato da Daoud, un disincantato sovrintendente di origine algerina. Di solito lui e la recluta Louis hanno a che fare con spacciatori, minorenni fuggiti da casa, incendi dolosi e molesti ubriaconi. Ma la loro routine viene sconvolta dalla crudele uccisione di una anziana in quello che sembra un tentativo di rapina finito male. E i loro sospetti si concentrano sulle vicine di casa della vittima, due ragazze sbandate con problemi di droga. 

Raccontato così il film sembra il solito giallo che si risolve con la scoperta di un colpevole. In realtà è un potente affresco di una città messa in ginocchio dalla crisi, dove i problemi di convivenza tra i vecchi abitanti e i nuovi immigrati sono esasperati dalle differenze culturali e dalla comune povertà. E l’angoscia dello spettatore è accresciuta dalla consapevolezza che la vicenda è ispirata da fatti realmente accaduti. Nel 2002 una donna fu effettivamente uccisa nella sua poverissima casa per portarle via un televisore e poche altre cianfrusaglie. 

Ottima la regia di Desplechin, esaltata dai toni cupi della fotografia. Bravi gli attori, su tutti Roschdy Zem nei panni di Daoud, e Léa Seydoux e Sara Forestier nei panni delle due amiche sospettate del delitto. Da possibili assassine a vittime della violenza psicologica esercitata dalla polizia il passo è breve.

“Roubaix – Una luce nell’ombra” è uscito nel 2019, ma si può vedere su Prime Video, YouTube e altre piattaforme di streaming. Ne vale la pena.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI