Rocco contro Salvo

Confinata su RAI2, la serie televisiva dedicata allo scontroso vicequestore Rocco Schiavone avrebbe meritato una fortuna almeno pari a quella del commissario Montalbano. E’ ben fatta, ben recitata e originale nelle trame che si basano sui fortunati gialli di Antonio Manzini, pubblicati da Sellerio. Però il suo share si attesta attorno a un 10% che è buono per la rete, ma non tale da fare concorrenza al personaggio creato da Andrea Camilleri. 

Così è accaduto anche per le due puntate dell’ultima serie, prodotte in piena emergenza Covid e andate in onda qualche settimana fa. Chi le avesse perse può rivederle insieme a tutte le altre su Prime Video, e non se ne pentirà. Ma è importante procedere in sequenza, perché alcuni personaggi sono ricorrenti e le vicende si intersecano.

Schiavone, romano purosangue, è stato trasferito ad Aosta per punizione. È un poliziotto particolare, che fuma spinelli e ha una morale molto elastica. A  volte mente. A volte picchia. A volte forza qualche serratura per cercare le prove, e non si tira indietro se gli capita di mettere le mani sulla refurtiva sequestrata. Ma è anche un ottimo investigatore, che non sopporta le ingiustizie e combatte l’ipocrisia dei ricchi e dei potenti. 

Tutte le sue imprese si svolgono ad Aosta, ma il cuore è rimasto a Roma, dove i suoi migliori amici vivono ai margini della legge, e dove aveva una moglie amatissima uccisa in un agguato che aveva lui come bersaglio. La moglie è una presenza costante nei suoi sogni. Lo guida e lo incita senza troppo successo a rifarsi una vita. Schiavone ci prova, e passa da una donna all’altra. Ma alla fine torna sempre da lei.

Come Zingaretti con Montalbano, Marco Giallini è perfetto nella parte di un poliziotto disincantato e sostanzialmente incapace di adattarsi alle convenzioni sociali. E, per una volta,  l’accento romanesco che imperversa in  tutte le fiction RAI è pienamente giustificato.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI