Processo ai Chicago 7

“Processo ai Chicago 7”, di Aaron Sorkin, coprodotto da Steven Spielberg, è uno bel film di impegno civile, in corsa per gli Oscar. I nostri distributori devono aver pensato che la vicenda narrata non fosse abbasta interessante per il pubblico italiano, ed è rimasto in programmazione per pochi giorni. Ma per fortuna Netflix lo sta riproponendo, e vale davvero la pena di vederlo.

Era il 1968. Robert Kennedy era appena stato ucciso. A Chicago il partito democratico stava tenendo la convention che avrebbe indicato come candidato alla presidenza Hubert Humphrey, poi sconfitto da Nixon. I pacifisti esasperati organizzarono cortei e manifestazioni che sfociarono in violenti scontri con la polizia e la Guardia Nazionale. Come riconobbe il procuratore generale dell’epoca, di nomina democratica, gli organizzatori non avevano alcuna responsabilità, e semmai fu la polizia, con le sue continue provocazioni, a dare inizio alle violenze. Ma la nuova amministrazione Nixon la pensava diversamente, e sette attivisti, insieme al leader delle Pantere Nere Bobby Seale, finirono in carcere e furono processati. Come disse uno di loro, non per quello che avevano fatto, ma per quello che rappresentavano.

 Il film, teso e avvincente, ricostruisce il clima dell’epoca, i rapporti non sempre facili tra imputati che avevano impostazioni politiche diverse, e il lunghissimo processo, dall’esito segnato per la parzialità del giudice Hoffman, le false testimonianze e le intimidazioni. Tali e tante furono le irregolarità, che due anni dopo la sentenza di appello ribaltò il verdetto.

Magnifica la regia di Sorkin. Ottimi gli attori, tra cui spiccano Sacha Baron Cohen nella parte dell’imputato Abbie Hoffman e Frank Langella in quella del giudice suo omonimo. Spielberg voleva dirigere il film già molti anni fa. E non è certo un caso che abbia deciso di produrlo in concomitanza di un’altra decisiva campagna elettorale.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

La crisi degli stati nazionali

A chi ne ha abbastanza delle squallide beghe della nostra politica consigliamo la lettura di uno stimolante articolo…
LEGGI