Prigione 77

Siamo nel 1976 in Spagna. Francisco Franco è morto da pochi mesi, e nel paese si respira un’aria nuova, ma le leggi e le carceri sono ancora quelle della dittatura. Il contabile Miguel, accusato forse ingiustamente di un grave ammanco, entra nella prigione di Barcellona in attesa di un processo che non arriva mai, e scopre un mondo fatto di violenze e prevaricazioni, dove l’unica legge valida è quella del più forte.

Essendo uno dei pochi che sa scrivere, partecipa alle lotte del Copel, un comitato per i diritti dei prigionieri che si batte per migliorare le condizioni di vita nelle carceri e ottenere un’amnistia estesa anche ai detenuti comuni. La solidarietà dei compagni gli dà la forza per resistere alle sadiche violenze dei secondini, ma la strada verso la libertà resta lunga e difficile.

Con “Prigione 77” Alberto Rodríguez si dimostra ancora una volta un regista di talento. Dopo averci regalato nel 2014 un piccolo gioiello come “la Isla Minima”, un cupo poliziesco ambientato nelle paludi del Guadalquivir, torna ancora una volta su un nervo scoperto della Spagna post-franchista, le modalità di una difficile transizione verso la democrazia, e lo fa senza mai cadere nel didascalico. Ne “La isla minima”, ad indagare su una inspiegabile serie di delitti erano due poliziotti male assortiti, uno pieno di speranze, l’altro vecchio e malato, con un passato di torturatore di regime. In “Prigione 77” il detenuto giovane, interpretato da Miguel Herrán, si confronta e si scontra con il disilluso compagno di cella, interpretato dallo stesso attore che nell’altro film impersonava il poliziotto torturatore, un intenso Javier Gutiérrez. Il risultato è una claustrofobica vicenda piena di tensione, dove il mondo esterno irrompe nel tempo sospeso del carcere soltanto attraverso gli slogan delle manifestazioni a favore dei detenuti e i colori dei cartelloni pubblicitari che si intravedono dalle celle.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI