Omaggio a Truffaut

Grazie, RaiPlay. E grazie ovviamente a mamma Rai. Metterci a disposizione sullo schermo di casa, restaurati e in parte sottotitolati, undici film del grande François Truffaut è il più bel regalo che la televisione pubblica poteva farci in questo buio periodo di lockdown. E a noi non resta che sdraiarci sul divano, con l’unica preoccupazione di decidere quale guardare per primo. In ordine cronologico? Seguendo l’estro del momento? Privilegiando quelli che abbiamo visto soltanto una volta, o quelli che hanno rafforzato il nostro amore per il cinema, e che conosciamo a memoria, fotogramma dopo fotogramma, ben sapendo che troveremo comunque qualcosa di nuovo, qualche inquadratura particolare, qualche trucco di regia che ci delizierà?

Vale la pena di elencarli, questi titoli che hanno lasciato un segno profondo nella storia del cinema anche quando non erano dei capolavori assoluti: I quattrocento colpi, Tirate sul pianista, La calda amante, Baci rubati, Le due inglesi, Mica scema la ragazza, L’amore fugge, L’ultimo metrò, La signora della porta accanto, Finalmente domenica, e Jules e Jim con la splendida Jeanne Moreau.

Non vi rivelerò la mia scelta. Ma vale la pena di dire due inadeguate parole su Truffaut regista, con gli amici Jean Luc Godard, Claude Chabrol, Éric Rohmer e Jacques Rivette esponente di quella Nouvelle Vague che rivoluzionò il cinema francese e non soltanto quello. 

Nato nel 1932, Truffaut ebbe una infanzia e una adolescenza difficili, finì in riformatorio, si arruolò nell’esercito da cui fu cacciato per instabilità di carattere. Lo salvarono i libri, che divorava, e il cinema che lo appassionava. Dagli esordi come critico sulle pagine dei Cahiers du cinéma alla macchina da presa il passo fu breve. Nel 1959 il suo primo lungometraggio, I quattrocento colpi, vinse il premio per la migliore regia al Festival di Cannes. Di fatto era la sua autobiografia, con Truffaut interpretato sullo schermo dall’attore Jean-Pierre Léaud. Il resto è storia.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI