Notizie dal mondo

Registi e produttori non credono più nei western. Quelli che si vedono sulle smart tv, tristi sostituite delle sale chiuse per covid, sono in genere piuttosto datati. Ma ogni tanto, per la gioia degli appassionati,  si trova anche qualcosa di nuovo. 

Su Netflix è da poco arrivato “Notizie dal mondo”, di Paul Greengrass, con Tom Hanks nei panni di Jefferson Kyle Kidd, un reduce della guerra civile che si  guadagna da vivere leggendo i giornali agli abitanti analfabeti delle piccole città di frontiera. Nel corso delle sue peregrinazioni  Kidd si imbatte in Joanna Leonberger, una ragazzina che ha perso i genitori in una scorreria degli indiani e ha vissuto con loro dimenticando le sue origini, e decide di riportarla ai parenti. Durante il lungo  viaggio tra i due nasce un rapporto che supera tutti gli ostacoli, compreso quello della lingua.

“Notizie dal mondo” è l’adattamento di un romanzo della scrittrice Paulette Jiles, che si è a lungo occupata dei nativi americani e si è impegnata nella conservazione delle loro cultura.  È un western atipico, più attento agli ambienti e alla psicologia dei personaggi che alle sparatorie. Ci sono anche quelle, ovviamente, ma sono  rappresentate con un insolito realismo. Buoni e cattivi farebbero volentieri a meno di sparare, e quando proprio sono costretti a farlo cercano prima di tutto di non farsi colpire.

Tom Hanks è un credibile veterano che cerca di dimenticare il passato. Joanna è interpretata dalla dodicenne tedesca Helena Zengel,  che nonostante la giovane età è perfettamente a suo agio davanti alla macchina da presa. Il suo volto fresco ed espressivo è uno dei punti di forza del film, che merita di essere visto nonostante qualche lungaggine nel finale.

Greengrass aveva  già lavorato con Tom Hanks in “Captain Phillips”, storia vera di un marinaio rapito dai pirati somali,  ma è noto soprattutto per la saga di Jason Bourne, con Matt Damon come protagonista.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI