Nell’occhio del ciclone

Il raffinato regista francese Bertrand Tavernier è morto a 79 anni la scorsa settimana. Parlando del suo stile, ha spiegato che puntava a intensificare in modo non artificiale l’emozione e la realtà, e spesso ci è riuscito. La passione per la musica lo ha portato a firmare due ottimi film sul jazz, “Round Midnight” e “Mississippi Blues”, ma ha affrontato anche altri  generi, e ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali,  tra cui il Leone d’oro alla carriera nel 2015 a Venezia.

Meno noto di altri titoli, ma non meno interessante, è “In The Electric Mist – L’occhio del ciclone”, che uscì nel 2009 e si può vedere su Prime Video. Tratto da un romanzo di James Lee Burker, il film è ambientato nella Louisiana devastata dall’uragano Katrina e segue le indagini dell’anziano poliziotto Dave Robicheaux, interpretato da un bravissimo Tommy Lee Jones,  sul brutale omicidio di due giovani prostitute. La trama gialla è ben costruita, ma non è tutto: sullo sfondo ci sono tensioni razziali che risalgono a molti anni prima e  un complesso gioco di rimandi con il mondo del cinema. Il protagonista sospetta infatti che il colpevole si nasconda tra il personale di una troupe cinematografica impegnata nella ricostruzione di un episodio della guerra civile americana. Nella ricerca della verità viene aiutato dalle strane visioni di quell’episodio che lo perseguitano in sogno, e da una agente dell’FBI che nutre molti dubbi sui suoi metodi spicci.

“In The Electric Mist” è una coproduzione franco-statunitense ed è stato interamente girato nelle paludi e nei villaggi colpiti dall’uragano, tra i resti delle case e i cumuli di rifiuti accatastati dalla violenza delle acque. Proprio come i fittizi e loschi produttori che compaiono nel suo film, per realizzarlo Tavernier si è avvalso delle facilitazioni fiscali decise dal governo della Louisiana  per sostenere l’industria cinematografica e rilanciare l’economia dello stato dopo il disastro.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI