Mixed by Erry

Soppiantate dai CD, peraltro a loro volta mandati in soffitta da Spotify e affini, le musicassette sono state a lungo un accessorio indispensabile nella vita musicale e amorosa dei ragazzi degli anni Ottanta. Molti ancora le conservano in soffitta, logorate dall’uso o inservibili per la rottamazione dei mangianastri. Ma sono certo che alcuni, dopo aver visto “Mixed by Erry” del regista salernitano Sydney Sibilia, cederanno alla nostalgia e andranno a rovistare negli scatoloni, nella speranza di trovare anche quelle con il mitico marchio. All’epoca era  molto amato perché costava poco, offriva compilation di buona qualità, e in molti casi anticipava l’arrivo sul mercato delle più ghiotte novità bruciando sul tempo le case discografiche titolari dei diritti. Perché, come avrete capito, si trattava di musica taroccata, prodotta dall’ingegno napoletano dei fratelli Frattasio, Enrico, Peppe e Angelo, che crearono un impero e diventarono miliardari prima di essere pizzicati dalla guardia di finanza e finire in carcere.

Dopo i meritati successi di “Smetto quando voglio” e de “L’isola delle rose” Sibilia ha scelto di raccontare la storia di Enrico e dei suoi fratelli partendo dalle origini, quando per campare aiutavano il padre a produrre e vendere bottiglie di finto Jack Daniel’s. Lo ha fatto senza calcare la mano, bene assecondato dagli attori tra i quali spicca Luigi D’Oriani nei panni del mite Enrico, che nella vita avrebbe voluto fare il Dj, e riuscì a farlo a modo suo, in grande scala, grazie alla passione per la tecnologia. Ma il risultato è esilarante perché esilarante era il materiale di partenza. Basti dire che i Frattasio capirono di avere sfondato quando sul mercato comparvero le prime falsificazioni delle loro cassette falsificate. 

Pare che nella vita reale i tre fratelli abbiano perso tutto perché il loro denaro, sepolto per sfuggire alle indagini, marcì. Spero per loro che non sia andata così, e che il crimine, almeno per una volta, abbia pagato. 

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI