L’uomo della pioggia

Nel 1995 John Grisham, celebre autore di gialli giudiziari ambientati nel profondo Sud degli Stati Uniti, scrisse  “The Rainmaker”, l’uomo della pioggia,  come nel gergo legale viene chiamato un avvocato che ha per le mani una causa in grado di portare a un risarcimento milionario. Due anni dopo Francis Ford Coppola, reduce dai successi planetari de “Il Padrino” e di “Apocalypse Now”, ne ha tratto un film con lo stesso titolo, che da pochi giorni si può vedere o rivedere su Netflix.

Un giovanissimo Matt Damon interpreta Rudy Baylor, un aspirante avvocato costretto a lavorare come barista per pagarsi gli studi. Baylor incontra una madre il cui unico figlio sta morendo di leucemia e la convince a fare causa alla potente compagnia di assicurazioni che le ha ingiustamente negato i fondi per un costoso trapianto di midollo. Il film racconta la loro impari battaglia giudiziaria per ottenere un risarcimento tardivo, ma sacrosanto. 

Nel cast recitano anche i bravi Danny De Vito, nei panni di un paralegale perfettamente a suo agio nel sottobosco dei tribunali, e Jon Voight, odioso quanto basta per interpretare lo spregiudicato capo del team di difensori messo in campo dalla compagnia di assicurazioni. Claire Danes è la ragazza maltrattata da un marito violento e ubriacone  di cui Baylor si innamora, Danny Glover il giudice nero che conduce il processo.

Coppola, come Grisham, è un liberal consapevole dei problemi che si agitano sotto la superficie del sistema di vita americano, ed è molto critico di fronte all’ingiustizia sociale e allo strapotere dei soldi. Il punto di forza di “The Rainmaker” è l’accurata e critica descrizione di una procedura giudiziaria volutamente farraginosa, dove il cinismo e le giuste conoscenze contano più degli ideali, e non è affatto detto che la giustizia trionfi. E alla fine resta sempre un po’ di amaro in bocca.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

La crisi degli stati nazionali

A chi ne ha abbastanza delle squallide beghe della nostra politica consigliamo la lettura di uno stimolante articolo…
LEGGI