L’ultima notte di Amore

Ben girato, ben recitato, carico di tensione fino all’ultima ambigua inquadratura. “L’ultima notte notte di Amore” è un noir che non sembra neppure italiano, vista le pessima abitudine dei registi di casa nostra di riempire il genere di significati impropri e non richieste sperimentazioni. Ma la spiegazione c’è: il regista romano Andrea Di Stefano, che lo ha diretto, si è formato negli Stati Uniti, dove ha studiato recitazione all’ Actors Studio e ha mosso i primi passi nel cinema indipendente imparando ad andare al sodo senza provincialismi. Internazionale, del resto, era la produzione del suo film più noto, “Escobar”, interpretato dalla star Benicio del Toro.

Anche “L’ultima notte di Amore” è costruito su misura per un grande attore, Pierfrancesco Favino, nei panni del poliziotto Franco Amore, giunto all’ultimo giorno di lavoro senza avere mai sparato un colpo di pistola, ligio alle regole ma non tanto da disdegnare qualche lavoretto extra come guardaspalle. E proprio questo secondo lavoro metterà nei pasticci lui e un suo collega, che lo accompagna all’aeroporto ad accogliere una ambigua coppia di cinesi con una misteriosa valigetta.

La vicenda si svolge nell’arco di una notte, con continui rimandi ai dieci giorni che la precedono, utili per capire meglio il personaggio di Amore, un mite poliziotto con qualche amarezza per una carriera mai decollata, innamoratissimo della giovane compagna, interpretata da Linda Caridi. Amore pensa soltanto al  futuro da pensionato che lo attende, tanto da approfittare di tutti i momenti liberi per provare a bassa voce il discorso di commiato da tenere ai colleghi, ma quando le circostanze lo mettono alla prova si dimostra più duro del previsto.

Sullo sfondo c’è Milano, con i suoi traffici e i suoi compromessi, che Di Stefano presenta fin dai titoli di testa con una spettacolare ripresa aerea notturna. Un pezzo di bravura che ha il solo difetto di essere un po’ troppo lungo.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI