L’Islanda di Kormàkur

Baltasar Kormàkur  è un regista islandese che è riuscito a imporsi a livello internazionale lavorando in superproduzioni hollywoodiane come “Contraband” e “Cani sciolti”, con divi del calibro di  Denzel Washington e Marc Wahlberg. Ma i suoi film più interessanti sono quelli meno noti, che hanno al centro la natura selvaggia e spesso ostile, esaltata da riprese che mettono a dura prova gli attori e il personale impegnato nella lavorazione. Tre titoli per tutti: “The Deep”, che racconta la storia vera di un pescatore miracolosamente sopravvissuto a un naufragio nelle gelide acque islandesi, “Everest”, che ricostruisce le disastrose spedizioni dell’estate 1996 sulla montagna più alta del mondo, e “Resta con me”, interamente girato su una barca a vela alla deriva nell’oceano Pacifico.

Kormàkur è anche autore di alcune fortunate serie TV ambientate in Islanda e visibili su Netflix: “Trapped”, di cui sono disponibili due stagioni mentre una terza è in arrivo, e “Katla”. In “Trapped” Ólafur Darri Ólafsson, il bravissimo e molto in carne attore già protagonista di “The Deep”, interpreta un poliziotto alle prese con una serie di delitti e con i problemi di una società soltanto apparentemente tranquilla. In “Katla” gli abitanti di un piccolo villaggio investito dalle ceneri di un vulcano devono fare i conti con i problemi della ricostruzione e con i loro fantasmi personali.

Due appuntamenti da non perdere per chi è attratto dall’Islanda, con i suoi paesaggi di desolata bellezza, i suoi pittoreschi villaggi, i suoi fiordi e suoi ghiacciai dove il tempo può cambiare in pochi secondi, e perdere l’orientamento può essere fatale anche per un nativo. Spesso le serie TV, anche quando sono ineccepibili dal punto di vista tecnico, nascono come semplici operazioni commerciali. Kormànuk, produttore oltre che regista, si è spinto un poco più in là. E nei suoi lavori si vede l’amore per una terra dove la vita è dura, ma affascinante.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI