Lavoro a mano armata

Per i tifosi del Manchester United, che grazie a lui tornò ad essere una grande squadra, il marsigliese Éric Cantona, classe 1966,  è stato “The King”.  Sanguigno, istintivo, istrionico dentro e fuori dal campo, ha vinto tantissimo, ma è ricordato anche per il sacrosanto calcione che rifilò in diretta TV a un tifoso razzista che lo aveva insultato, beccandosi nove mesi di squalifica.

Oggi “The King” è un attore di successo. Lo ha lanciato Ken Loach ne “Il mio amico Éric”, dove interpretava se stesso comparendo nei  sogni di un supporter in difficoltà per dargli saggi consigli di vita. E da allora molti registi lo hanno scelto per la carica di simpatia e per la presenza fisica che “riempie” lo schermo.

Nella miniserie francese “Lavoro a mano armata” —  sei puntate su Netflix tratte da un best-seller di Pierre Lemaitre —  Cantona interpreta Alain Delambre, un dirigente di mezza età che è stato licenziato, e da sei anni sbarca il lunario con lavori saltuari e  umilianti. Con la moglie litiga, con le figlie ha un rapporto conflittuale, e di fronte al rischio di perdere anche la casa accetta di prendere parte a un crudele gioco di ruolo voluto dall’amministratore delegato di una importante società per testare la fedeltà dei suoi dirigenti. Consapevole di essersi lasciato coinvolgere in una sporca faccenda, Delambre abbandona ogni scrupolo, e agisce con fredda determinazione per raggiungere i suoi scopi. Che non sono quelli che sembrano.

“Lavoro a mano armata” si guarda con piacere anche se si ha l’impressione che i produttori abbiano un po’ stiracchiato la sceneggiatura per esigenze di budget, e il finale non ha l’equilibrio perfetto delle prime puntate. Ma Cantona è bravissimo e i registi fanno la loro parte per  raccontare una storia ispirata a fatti realmente accaduti, che  nel 2005 provocarono un terremoto ai vertici della più importante azienda televisiva francese.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI