La signora delle rose

“La signora delle rose”, del regista francese Pierre Pinaud, è una elegante commedia di buoni sentimenti che non scadono nel melenso. Novanta minuti da non perdere se amate i fiori, le case di campagna e le dolci colline del Midi.

Eve, interpretata dalla bravissima Catherine Frot, è una signora di mezza età che gestisce una piccola azienda specializzata nella produzione di ibridi di rosa. Nel suo campo è una indiscussa autorità, ma il mercato è dominato dal grande industriale Lamarzelle, e le difficoltà finanziarie la stanno strangolando. La fedele segretaria Vera la convince a dare lavoro a Fred, Nadir e Nadège nell’ambito di un progetto di reinserimento sociale. Con il loro riluttante aiuto, e con metodi non proprio ortodossi, Eve cerca di creare un ibrido perfetto, che le consenta di vincere l’importante concorso internazionale di Bagatelle e di rilanciare l’azienda.

Ma la trama è soltanto un pretesto per raccontare il processo di rinascita dei protagonisti, che trovano in sé, in modo del tutto inaspettato, la capacità di reagire alle avversità. Ci sono Eve, decisa a non cedere alle lusinghe di Lamarzelle che vorrebbe comperare la sua proprietà, e Vera, che la aiuta senza chiedere nulla in cambio. Ma soprattutto ci sono la timida Nadège, sempre sull’orlo del pianto, Il colto Samir, sconfitto dalla vita e alla disperata ricerca di un’ultima occasione, e il giovane Fred, abbandonato dai genitori, ma dotato di un olfatto capace di distinguere anche gli odori più sottili. 

Al centro di tutto ci sono la delicata bellezza delle rose e il fascino dei procedimenti artigianali di ibridazione, che consentono di creare esemplari sempre più raffinati e ricercati dai collezionisti. Pierre Pinaud li racconta con un dettaglio e un amore che dimostrano una antica consuetudine. E infatti alla fine del film c’è una dedica a sua madre, che scopriamo da Wikipedia essere una nota orticultrice.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI