La ricca offerta di RaiPlay

È estate, e  nelle sale cinematografiche ci sono poche novità interessanti. Ma lo streaming offre agli appassionati un ricco menu di nuove uscite e di opere che si rivedono con piacere. RaiPlay è una delle piattaforme da tenere d’occhio. Insieme ai film proposti nelle ultime settimane sulle reti generaliste della RAI, ne ha in catalogo moltissimi che la tv pubblica ha prodotto nel corso degli anni, e di cui detiene i diritti. Tutti sono gratuiti, basta scaricare sulla smart tv l’apposita app.

Io ho rivisto”Sacro GRA” di Gianfranco Rosi, che nel 2013 fu il primo documentario a vincere con merito il Leone d’Oro per il miglior film al festival di Venezia. E non me ne sono pentito.

La telecamera curiosa e sempre rispettosa di Rosi scopre il variegato mondo che vive attorno al Grande Raccordo Anulare, la rete autostradale che circonda Roma, percorsa ogni giorno da migliaia di automobilisti. Ed ecco un autista di ambulanze che vive solo e assiste la madre malata. Due prostitute sul loro camper. Due cubiste che si esibiscono in uno squallido bar. Un entomologo che studia il punteruolo rosso, un parassita delle palme. Un eccentrico principe che affitta il suo castello come ambientazione per i fotoromanzi. Un anziano dal linguaggio forbito che vive con la figlia in una casa popolare. Un pescatore di anguille. Una umanità dolente e dignitosa, raccontata solo con poche parole raccolte in presa diretta, senza una riga di testo per spiegare e contestualizzare. Parlano le immagini, splendide. Parlano le luci della notte. Parlano le musiche degli immigrati e le canzoni cantate a mezza voce, ricordo di tempi migliori.

Dopo “Sacro GRA” Rosi ha realizzato “Fuocoammare” sui migranti di Lampedusa, che ha vinto l’Orso d’Oro al festival di Berlino del 2016, e “Notturno”, sulla vita quotidiana nelle zone martoriate del Medio Oriente. In autunno, molto atteso, verrà presentato a Venezia “in viaggio”, un documentario sui viaggi di papa Francesco.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI