La persona peggiore del mondo

Un prologo, un epilogo, e dodici episodi, alcuni importanti, altri meno, nella vita di Julie, una ragazza norvegese che si sta avvicinando ai trent’anni senza avere combinato molto nella vita. “La persona peggiore del mondo”, del regista Joachim Trier, è un film volutamente irrisolto, come irrisolta è la vita della protagonista, splendidamente interpretata da Renate Reinsve, premiata a Cannes come migliore attrice. Lascia lo spettatore un po’ spiazzato, a volte perfino irritato per le due ore abbondanti dedicate alle vicende di una persona che i nostri nonni, ignari del politicamente corretto, avrebbero definito “una faccia da schiaffi”. Però, una volta usciti dalla sala, non si può smettere di pensare a Julie e alle sue scelte. E ci si rende conto che lei non è un caso isolato e che i suoi inconcludenti tormenti esistenziali sono comuni a molti giovani d’oggi.

Julie, studentessa brillante, abbandona la facoltà di medicina perché si convince che il corpo è meno importante della mente, e quella di psicologia perché la mente le sembra troppo astratta e preferisce fare qualcosa di pratico. Quindi trova un lavoro come commessa in una libreria, ma non si sente realizzata. Decide di scrivere, e non trova l’ispirazione. Si dedica alla fotografia, e i risultati non sono quelli sperati. I rapporti con la famiglia sono quasi inesistenti. Un amore con un fumettista di successo finisce perché lui sa quello che vuole ed è troppo vecchio. Un muscoloso sconosciuto entrato per caso nella sua vita avrebbe l’età giusta, ma è un po’ tonto, e la passione non basta a tenerli uniti.

Nel film ci sono alcuni momenti davvero divertenti, come il dibattito televisivo in cui il fumettista cerca di spiegare a due acide intervistatrici perché i suoi personaggi parlano con un linguaggio sboccato e si comportano anche peggio. Altri sono meno riusciti. Ma nel complesso “La persona peggiore del mondo” non è il film peggiore del mondo, e vale la pena di vederlo.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI