La nave dei dannati

Uomini, donne e bambini che si sono lasciati tutto alle spalle, costretti dalle persecuzioni a cercare oltremare la salvezza. Ma l’odio di alcuni e l’indifferenza di altri li fermano a un passo dalla meta. Lo sbarco viene impedito, e la nave, bloccata nel porto per oltre una settimana, deve alla fine tornare indietro, verso un destino incerto e pericoloso.

Sembra una storia dei nostri giorni, è invece è accaduta nel 1939 a L’Havana. La nave era il transatlantico Saint Louis, proveniente da Amburgo, e a bordo c’erano 963 ebrei in fuga dalla Germania nazista. Persone agiate, che avevano comperato a caro prezzo i visti dal governo cubano, e furono vittime della corruzione e dei rivolgimenti politici allora frequenti nell’isola. Respinta da Cuba, la nave tentò senza successo di raggiungere gli Stati Uniti, poi dovette iniziare il viaggio di ritorno verso l’Europa. Una grande mobilitazione internazionale e il coraggio del comandante Gustav Schröder, un tedesco antinazista che dopo la guerra ottenne l’ordine al merito della Repubblica Federale e il titolo di Giusto tra le Nazioni, impedirono che fossero riportati in Germania. Alcuni furono accolti dalla Gran Bretagna. Ma gli altri ebbero soltanto pochi mesi di respiro. Durante la guerra la Francia, il Belgio e i Paesi Bassi, che li avevano accolti, furono occupati dalla Germania, e 254 morirono nei lager.

Questa drammatica e per molti versi attuale vicenda è stata fedelmente ricostruita ne “La nave dei dannati”, un film del 1976 diretto dal regista Stuart Rosenberg, che si avvale di un cast eccezionale: tra gli altri Max Von Sydow, Faye Dunaway, Orson Welles, Oskar Werner, Malcom McDowell, Katharine Ross. Si può vedere gratuitamente su YouTube, e vale la pena di farlo. E’ più facile capire l’ingiusta crudeltà dei fenomeni migratori quando i dannati del mare hanno i volti noti dei grandi del cinema.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI