La guerra di Mendes

“1917” di Sam Mendes ha ottenuto ben dieci nomination per gli Oscar 2020, una in meno di “Joker” di Todd Phillips, e alla pari con “C’era una volta…a Hollywood” di Quentin Tarantino e “The Irishman” di Martin Scorsese. I nomi dei vincitori saranno resi noti solo lunedì, ma se fossi un giurato non avrei dubbi: il polpettone sulla prima guerra mondiale del regista inglese non è al livello degli altri tre, e neppure di altri film in concorso come “Parasite” del coreano Bon Joon Ho. Perfino il suo punto di forza, l’essere stato girato in un unico piano sequenza, con le cineprese che seguono gli attori in tempo reale e senza stacchi apparenti, è interessante, ma alla lunga risulta artificioso. 

La storia è semplice. Le truppe inglesi combattono in Francia contro i tedeschi in una guerra di trincea dove gli orrori vengono amplificati dalle scelte insensate degli alti comandi. Due veterani vengono incaricati di attraversare la terra di nessuno per fermare l’attacco suicida di un reggimento. L’impresa è difficile, ma uno dei due è particolarmente motivato perché in quel reggimento è in servizio suo fratello. La loro corsa contro il tempo si dipana attraverso fango, trincee e cadaveri, in un mondo sconvolto dalle bombe che a volte, inaspettatamente, offre intatti scorci agresti.

La performance degli attori protagonisti, George MacKay e Dean-Charles Chapman, è notevole, perché la tecnica di ripresa scelta da Mendes li costringe a correre e a strisciare davvero in un ambiente difficile, e per lunghi periodi. La loro è una fatica reale, e si vede. Ma lasciano francamente perplessi alcuni  momenti che sembrano inseriti a forza per piacere a Hollywood, come l’incontro con una ragazza e una neonata nelle rovine di un paese devastato o la caduta nel fiume. 

“1917”, come tutti i film di Mendes, è comunque un buon prodotto.  Basta dimenticarsi che sulla Grande Guerra  esistono capolavori come “Orizzonti di gloria” di Kubrik e “Uomini contro” di  Francesco Rosi.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

La crisi degli stati nazionali

A chi ne ha abbastanza delle squallide beghe della nostra politica consigliamo la lettura di uno stimolante articolo…
LEGGI