Il triangolo della tristezza

Caustici, irriverenti e formalmente ineccepibili, i film del regista svedese Ruben Östlund hanno tutto quello che serve per piacere alle giurie dei festival, che li premiano a ripetizione. Oltre a svariati altri riconoscimenti, Östlund ha vinto per due volte la Palma d’Oro a Cannes, nel 2017 con “The Square” e quest’anno con “Triangle of Sadness”, da pochi giorni nelle sale.

Che cosa sia questo “triangolo della tristezza” viene spiegato nella prima esilarante scena del film, dove una sfilata di aspiranti modelli si sottopone a un casting. Uno di loro, Carl, viene poi seguito al ristorante, dove litiga su chi deve pagare il conto con la fidanzata Yoyo, una seguitissima influencer. Poi i due fanno la pace e li ritroviamo a bordo di una nave da crociera di lusso, dove la ragazza è stata invitata in cambio di un po’ di pubblicità. Sulla nave l’equipaggio fa di tutto per compiacere i ricchissimi ospiti. Ma il maltempo e le intemperanze di un capitano marxista, splendidamente interpretato da Woody Harrelson, complicheranno alquanto le cose.

La storia deve molto alla lezione di Bunuel, passione dichiarata di Östlund. Con le sue esagerazioni e i suoi momenti grotteschi, è un pretesto per prendere in giro i vizi della civiltà occidentale e ridere della sua prossima, inevitabile fine. Il meccanismo è quello collaudato del ribaltamento dei ruoli: i miliardari che martirizzano le hostess, addestrate a non dire mai di no, si trasformano in vittime per la loro incapacità di adattarsi alle circostanze. Lina Wertmüller, in “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare di agosto” aveva fatto una operazione analoga con la spocchiosa Mariangela Melato e il rude Giancarlo Giannini. 

Gli attori di Östlund sono molto efficaci. Belli, bravi e antipatici quanto basta i due protagonisti, l’inglese Harry Dickinson e la modella sudafricana Charlbi Dean Kriek. Lei purtroppo è morta pochi mesi fa, ad appena 32 anni, per una “improvvisa malattia”.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI