Il ritorno di Mickey Haller

Dal 3 agosto è disponibile su Netflix la seconda stagione completa di “Avvocato di difesa”, la serie ispirata alle avventure dell’avvocato Mickey Haller, creato dalla prolifica penna di Michael Connelly. E, come già la prima stagione, non deluderà chi ama Connelly, le sue  trame sofisticate, i personaggi caratteristici di una Los Angeles che l’autore ha conosciuto bene grazie ai trascorsi di cronista di nera.

Mickey Haller era approdato al cinema nel 2011 con “The Lincoln Lawyer”, diretto da Brad Furman. Per l’occasione lo interpretava un grande Matthew McConaughey, che era riuscito nel piccolo miracolo di identificarsi totalmente nel personaggio dell’avvocato sempre ai limiti della legalità  e senza un ufficio, che riceveva i clienti sui sedili posteriori della sua spaziosa Lincoln. 

Da allora ho sempre immaginato Haller con il suo volto, ed è comprensibile che abbia guardato con un po’ di sospetto alla serie TV arrivata l’anno scorso, dove McConaughey era stato sostituito dal prestante attore messicano Gabriel Garcia-Rulfo, e la Lincoln veniva usata esclusivamente per gli spostamenti tra un ufficio e l’altro. Però Connelly è sempre Connelly, e anche la prima serie si lasciava guardare grazie agli intrecci mai banali, alle accurate descrizioni del funzionamento della giustizia americana, e ai tanti colpi di scena.

Confido che anche la seconda si mantenga sullo stesso livello: un prodotto di intrattenimento dichiaratamente commerciale, ma realizzato con competenza e professionalità.

Manuel Garcia-Rulfo è ancora una volta Haller, e ancora una volta ad aiutarlo tra un litigio e l’altro ci sono le sue ex mogli Lorna, che lavora come segretaria dello studio, e Maggie, inflessibile sostituto procuratore e madre della sua unica figlia Hayley. Una menzione particolare spetta a Cisco, ex membro di una gang di motociclisti criminali, che Haller ha salvato dalla galera e dimostra un vero talento nelle investigazioni al servizio della difesa.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI