Il mucchio selvaggio

L’estate è alle porte, e nelle sale cinematografiche, con pochi titoli nuovi e di qualità, è il momento delle repliche. Non sarebbe poi così male se gli spettatori avessero voce in capitolo nella scelta dei film da vedere o rivedere. Ma poiché questo non è possibile c’è l’estrema risorsa delle piattaforme di streaming. Sono sempre più numerose quelle “a consumo”, che non richiedono costosi abbonamenti e noleggiano i titoli in catalogo per somme modeste. 

Chili TV, che tra l’altro è nata per iniziativa di un gruppo italiano, è una di queste. Ed è su Chili che pochi giorni fa ho rivisto “Il mucchio selvaggio” di Sam Peckinpah. Tre euro e 99 centesimi ben spesi, perché il film è un capolavoro assoluto, che non sente il peso degli anni.

Peckinpah diresse questo western crepuscolare, che ridefinì i canoni del genere un po’ come stava facendo Sergio Leone in Italia, nel 1969. Era intriso di violenza, ma anche lirico e nostalgico di un passato dove – secondo la visione del mondo del regista – gli uomini erano veri uomini, il coraggio sfiorava l’incoscienza e l’amicizia virile contava più degli ideali e delle bandiere.

Peckinpah ebbe a disposizione un ottimo cast – su tutti William Holden nei panni del bandito Pike Bishop e Robert Ryan nei panni dell’ex compagno Deke Thornton, che gli dà la caccia – e lo diresse con maestria. Ma il punto forte e profondamente innovativo del film fu la regia: nelle sparatorie che aprono e chiudono il film l’uso di cineprese multiple piazzate in angoli diversi gli consentì un montaggio frenetico di stacchi velocissimi, che viene ancora oggi preso ad esempio nelle scuole di cinema.

Peckinpah beveva e l’abuso di droga lo portò alla morte nel 1984, a cinquantanove anni. Ma ebbe il tempo di dirigere altri grandi film, come “Sierra Charriba”, “Cane di paglia”, “L’ultimo buscadero”, “Getaway” e “Pat Garrett e Billy Kid”, con l’indimenticabile colonna sonora di Bob Dylan. E tutti meritano di essere rivisti.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI