Il concorso

Londra 1970. Il concorso per Miss Mondo è diventato un evento seguito in diretta televisiva da milioni di spettatori, e gli organizzatori scritturano il famoso comico Bob Hope per presentarlo. Non hanno però fatto i conti con il nascente movimento di liberazione della donna, che decide di contestare la manifestazione perché lesiva della dignità delle concorrenti, pesate e misurate con gli stessi criteri usati nelle fiere bovine.  Alcune attiviste riescono a entrare in sala e costringono Hope a interrompere per qualche minuto la diretta. La polizia le arresta per disturbo della quiete pubblica, ma l’obiettivo di far conoscere le rivendicazioni del movimento è raggiunto.

“Il concorso”, della regista inglese Philippa Lowthorpe, è un film godibilissimo, leggero nella forma e tuttavia capace di ricostruire fedelmente la greve atmosfera di quegli anni: il conformismo imperante nella società, l’ottusità dei media, e le discriminazioni di razza e di sesso nascoste dalle luci della ribalta. 

Lowthorpe, nota per i documentari e alcune serie televisive di successo,  ricostruisce nei dettagli una vicenda dove tutti i personaggi sono reali, ed è bene assecondata da un cast quasi tutto al femminile. Keira Knightley è l’attivista Sally Alexander, che divenne il volto della protesta dopo la partecipazione a un dibattito televisivo, mentre la canadese Jessie Buckley è la combattiva Jo Robinson, che organizzò l’ irruzione nella sala. Meno note, ma altrettanto efficaci, sono le attrici che interpretano le concorrenti. Alcune otterranno una effimera notorietà, altre scopriranno  di essere state usate. Tra gli uomini spicca Greg Kinnear, che ci restituisce un Bob Hope vanesio e troppo innamorato delle sue insulse spiritosaggini per reagire con eleganza  all’improvvisa contestazione. 

Non perdetevi i titoli di coda, dove compaiono i volti delle vere protagoniste della vicenda. Gli anni sono passati, ma la passione resta.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI