Il cinema di Sergio Leone

Per chi ha amato i suoi grandi film e ne conosce a memoria tutti i dialoghi e le inquadrature il documentario “Sergio Leone, l’italiano che inventò l’America”, in questi giorni nelle sale, è una scelta obbligata. Ma anche gli altri non se ne pentiranno, perché il giovane regista Francesco Zippel, già autore di una apprezzata biografia di William Friedkin, è riuscito nella impresa non facile di evitare i toni celebrativi, e di costruire un racconto solido capace di reggere l’attenzione dello spettatore per tutti i 107 minuti della proiezione. 

Certo è stato aiutato dalla fama degli intervistati: non capita tutti i giorni di sentire parlare Quentin Tarantino, Steven Spielberg, Martin Scorsese, Damien Chazelle, Darren Aronofsky, Giuseppe Tornatore, Frank Miller, Robert De Niro, Eli Wallach, Jennifer Connelly, Carlo Verdone, un Clint Eastwood anziano e ancora riconoscente, e un commosso Ennio Morricone, intervistato poco prima della morte. Ma Zippel ha saputo fondere le loro testimonianze in un insieme coerente e teso, dove la figura di Sergio Leone, maestro nel raccontare storie senza tempo, serve da catalizzatore per una più ampia riflessione sulla magia del cinema e sulla sua capacità di farci sognare.

“Sergio Leone, l’italiano che inventò l’America” è stato voluto dai figli del regista Raffaella, Francesca e Andrea, che nel documentario raccontano con sobrietà la vita privata del padre, spezzata ad appena sessanta anni, nel 1989, da una malformazione cardiaca. Leone stava lavorando alla preparazione di un film sui novecento giorni dell’assedio di Leningrado.  Visionario fino all’ultimo, cercava di mettere in piedi una coproduzione tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, dove l’Armata Rossa avrebbe dovuto fornire i mezzi e le migliaia di comparse necessarie per le riprese. Le poche carte ingiallite che ci restano di quel progetto bastano per capire che sarebbe stato un altro capolavoro.

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

Evviva i sottotitoli

Si sono appena spente le luci – anzi, si sono appena accese in sala dopo il “The End” – del…
LEGGI