“Il cacciatore” in 4K

Uscito nel 1978, “Il cacciatore” di Michael Cimino ha vinto cinque Oscar, ed è forse la più potente denuncia degli effetti della guerra sui soldati, sulle loro famiglie e sulle comunità da cui provengono. Non un film di guerra, perché di combattimenti se ne vedono pochissimi, ma un film sulla disumanità della guerra. Rivederlo in questi tempi difficili, dove il ricorso alle armi sembra diventato la norma per risolvere le controversie internazionali, dovrebbe essere obbligatorio. 

Bene ha fatto dunque la casa di distribuzione Lucky Red a riproporlo nelle sale per soli tre giorni, il 22, il 23 e il 24 di gennaio, in una versione restaurata in 4K che rende giustizia alla visionaria grandezza del regista, al talento del direttore della fotografia Vilmos Zsigmond, alla musica impreziosita dalla celebre “Cavatina” di Stanley Myers, e, naturalmente, al gruppo di attori straordinari che lo ha interpretato: Robert de Niro, Christopher Walken, Meryl Streep, John Savage e John Cazale.

Il film è diviso in tre parti. La prima è ambientata in una piccola città della Pennsylvania cresciuta attorno ad una acciaieria. Qui la comunità russa celebra un matrimonio tra scherzi, balli e bevute, ma lo sposo e due dei suoi amici devono partire per il Vietnam. Alla loro passione, la caccia al cervo, dedicano l’ultimo giorno della vita civile.

La seconda parte racconta l’inferno del Vietnam. Presi prigionieri e sottoposti a feroci torture, compresa la pratica aberrante della roulette russa cui vengono obbligati, i tre, pur devastati fisicamente e psicologicamente,  riescono a fuggire.

La terza parte racconta l’impossibile reinserimento dei reduci nella vita civile,  l’abisso che si è aperto tra loro e gli amici rimasti a casa. La guerra è indicibile. Chi l’ha vissuta non può raccontarla, chi non c’era non la può capire. In un’ultima caccia al cervo, Mike-De Niro si trova a tu per tu con un maestoso animale. Spara, e lo manca. Errore o scelta consapevole?

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

L’uomo che giocava

Per chi ha voglia di cercare, e di conoscere, le montagne custodiscono tesori inaspettati. E in montagna si scoprono…
LEGGI