I lacci della vita

Una recita scolastica, il ritorno a casa, il bagnetto dei figli prima di metterli a letto.  Apparentemente una serata come tante per Aldo e Vanda, tranquilla coppia intellettuale nella Napoli dei primi anni Ottanta. Ma lui di punto in bianco confessa il tradimento, e ha inizio una vicenda drammatica, un gioco al massacro capace di ferire anche a quaranta anni di distanza. 

Vanda non accetta la situazione, coinvolge i figli Anna e Sandro nelle liti,  tenta il suicidio. Aldo si trasferisce a Roma e trova nella nuova compagna Lidia, giovane e bellissima, l’ equilibrio privo di responsabilità che da tempo desiderava. Ma gli antichi legami, nonostante tutto, sono tenaci. Dopo qualche anno Aldo, nel frattempo diventato un conduttore radiofonico di successo, sente la mancanza dei figli e torna  sempre più spesso a Napoli per vederli. Lidia lo lascia, e lui, senza troppa convinzione, si riavvicina anche a Vanda. Un ritorno avvelenato dagli errori commessi e dalle cose non dette, che per quaranta anni  continueranno a intossicare la loro vita e quelle dei figli. 

“Lacci”, di Daniele Luchetti, è un film teso, crudo nella descrizione degli eventi e dei personaggi, capace di coinvolgere emotivamente non soltanto gli spettatori che abbiano vissuto esperienze analoghe – i matrimoni e le convivenze in crisi secondo le statistiche sono in continua crescita –  ma anche tutti gli altri. Tratto dall’omonimo romanzo di Domenico Starnone, che ha contribuito alla sceneggiatura insieme al regista e a Francesco Piccolo, è costruito su un continuo e caotico alternarsi di passato e presente, e si avvale di quattro ottimi attori: Alba Rohrwacher e Luigi Lo Cascio sono la giovane coppia in crisi, Laura Morante e Silvio Orlando quella anziana, rancorosa e disillusa. Bravissima nella parte della figlia Anna da adulta è Giovanna Mezzogiorno. Legnoso come sempre  Adriano Giannini nella parte del figlio Sandro. 

gbg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti
LEGGI

Cinque giorni un’ estate

La montagna ispira i film maker. Ma sono  pochi i film sulla montagna che escono dal circuito dei festival…
LEGGI
Il materiale e l'immaginario
LEGGI

Il materiale e l’immaginario

“La conoscenza di Remo Ceserani risale alla fine degli anni Settanta. Con Lidia De Federicis avevamo progettato una storia letteraria per le scuole superiori di nuovo genere, per la quale era necessario individuare un coautore capace e disponibile. Proprio in quegli anni la rivista Belfagor presentava interventi diversi sul modo di affrontare l’insegnamento della letteratura. Quello proposto da Ceserani si avvicinava molto alle nostre aspettative. Decisi di interpellarlo, e…
LEGGI
LEGGI

Assassinio sull’Eiger

Il terzo film scelto per la nostra rassegna è Assassinio sull’Eiger, titolo originale The Eiger Sanction, diretto e interpretato…
LEGGI
LEGGI

Il ritratto di James Lord

Gli amanti dell’arte non lo perdano. Presentato al Torino Film Festival, The Final Portrait di Stanley Tucci racconta…
LEGGI
LEGGI

Suicidio in diretta

Addirittura due film quest’anno hanno ricordato la figura di Christine Chubbuck che nel lontano 1974 fu la prima…
LEGGI
LEGGI

La crisi degli stati nazionali

A chi ne ha abbastanza delle squallide beghe della nostra politica consigliamo la lettura di uno stimolante articolo…
LEGGI